Libia, Turchia: “Deplorevoli le sanzioni europee, aiutano Haftar”

Il ministero degli Esteri di Ankara accusa la missione di supporto dell'Ue Irini, guidata dall'Italia, che ha il compito di implementare il blocco imposto dall'Onu.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Una decisione “profondamente sbagliata” e che “non ha alcun valore”: la Turchia ha commentato con queste parole le sanzioni imposte dall’Unione europea a una societa’ marittima nazionale, accusata di aver violato l’embargo sulla vendita di armi alle parti in conflitto in Libia adottato dalle Nazioni Unite a febbraio.

In un comunicato il ministero degli Esteri di Ankara accusa la missione di supporto dell’Ue Irini, guidata dall’Italia, che ha il compito di implementare il blocco imposto dall’Onu.

“Mentre gli aiuti che inviamo al governo legittimo sono descritti come una violazione dell’embargo – si legge nella nota – vengono ignorati i Paesi e le societa’ che mandano armi a Haftar via terra e aria, soprattutto gli Emirati Arabi: un indicatore chiaro dell’atteggiamento pregiudizievole dell’Ue”.

La Turchia ha sostenuto inoltre che la decisione europea, giunta al termine di una riunione dei ministri degli Esteri del Consiglio dell’Unione, e’ “deplorevole” anche perche’ arriva “in un momento in cui si stanno compiendo sforzi per ridurre le tensioni nel Mediterraneo orientale”.

Il governo di Tripoli presieduto da Fayez al-Serraj, riconosciuto dall’Onu e sostenuto da Ankara, si contrappone all’esecutivo con base nella citta’ orientale di Tobruk, appoggiato dalle forze del generale Khalifa Haftar.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»