Gli adolescenti si ammalano poco e muoiono troppo, i pediatri: “Bisogna fare rete contro il suicidio”

"Il tempo per una visita deve essere per il 90% dedicato alla comunicazione e all'ascolto, e il 10% alla visita effettiva", dicono gli esperti
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Si è chiuso l’evento autunnale della Società italiana di pediatria preventiva e sociale (Sipps) ‘Napule è…’, un convegno live streaming che in tre giorni ha coinvolto più di 700 persone, oltre ai 52 esperti tra moderatori e relatori, con 31 eventi, due corsi formativi e sei sessioni tematiche. Tanti gli argomenti affrontati in questa edizione: Alimentazione complementare, Pediatria preventiva e sociale, Sviluppo, Consensus sull’attività sportiva in età evolutiva, Guida pratica di ortodonzia pediatrica per una corretta salute orale. Tra le tematiche protagoniste dell’evento anche il sostegno alla disabilità e la prevenzione dei suicidi tra i giovani: “L’adolescente si ammala poco fisicamente, ma muore troppo”, un commento duro quello di Giuseppe Di Mauro, presidente della SIPPS, che al termine del convegno affronta il triste primato europeo che vede il suicidio come seconda causa di morte tra gli adolescenti.

LEGGI ANCHE: Il suicidio è la seconda causa di morte tra i giovani: “Attenti ai giochi perversi”

“Per far fronte a questa situazione- spiega Di Mauro- è fondamentale la comunicazione tra genitore e pediatra e, appena possibile, avere un contatto diretto con i ragazzi anche preadolescenti. Oggi le famiglie hanno la necessità di avere un pediatra bravo, ma soprattutto più comunicatore. Questo è il futuro dei medici, che devono saper ascoltare e mettere in atto le iniziative necessarie. Il tempo per una visita deve essere per il 90% dedicato alla comunicazione e all’ascolto, e il 10% alla visita effettiva”, chiosa l’esperto. Un pediatra per appartenere alla SIPPS “deve saper esprimere il massimo nella prevenzione soprattutto nel sociale, perchè lavora con bambini, adolescenti e famiglie. Se il pediatra non ha una sensibilità nel sociale- conclude il presidente- la sua attività è limitata”.

È possibile rivedere l’intero evento della SIPPS on demand ‘Napule è… pediatria preventiva e sociale’ fino al 3 ottobre attraverso la piattaforma digitale Health Polis.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»