Bartoletti (Omceo Roma): “Medico scolastico abbia un ruolo definito”

scuola distanziamento
"Bene termoscanner in istituti, da genitori vedo tanta leggerezza"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il termoscanner dentro le scuole puo’ servire, perche’ piu’ strumenti abbiamo a disposizione e meglio e’. Ma onestamente vedo tanta leggerezza: genitori che lasciano uscire i figli con la febbre o con altri sintomi. Ci vuole grande attenzione”. Lo ha detto, all’agenzia Dire, il vicepresidente dell’Ordine dei medici di Roma e provincia e segretario provinciale della Fimmg Roma, Pier Luigi Bartoletti. Da giorni si parla anche dell’istituzione del medico scolastico. “Ma cosa dovrebbe fare di preciso? Sarebbe un esperto di Covid? Bisogna definirgli un ruolo” ha spiegato Bartoletti, evidenziando che “senza una concertazione con i pediatri e i medici rischierebbe di entrare in conflitto. Se dal medico scolastico arriva una indicazione diversa da quella del medico di base, chi bisogna seguire? Serve chiarezza”. Bartoletti ha poi ricordato che in questo periodo dell’anno iniziano a circolare le affezioni virali stagionali. “Gli studi medici sono in piena attivita’ e soltanto tra venti giorni registreremo il prevedibile aumento dei casi Covid dovuti alla riapertura delle scuole. E’ quindi necessario partire il prima possibile con i test rapidi e poi, appena avremo i vaccini, con la campagna antinfluenzale”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»