Assenteismo a Reggio Calabria, arrestati 8 dipendenti del Comune di Rosarno

Tra di loro anche una persona che in passato è stato comandante della polizia municipale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

REGGIO CALABRIA – Peculato, truffa e false attestazioni o certificazioni: queste le ragioni dell’arresto di otto dipendenti del Comune di Rosarno, nel Reggino. Tra gli arrestati dai carabinieri anche una persona che in passato e’ stato comandante della polizia municipale.

L’operazione, denominata “Torno subito”, e’ stata coordinata dalla Procura della Repubblica di Palmi ed e’ scaturita dall’intuizione di un militare che ha notato un impiegato del Comune di Rosarno intento, durante l’orario di lavoro, a consumare alcolici ed a giocare alle slot machine in un bar di un altro Comune. Per gli spostamenti privati alcuni dipendenti utilizzavano anche i mezzi in servizio al Comune. Complessivamente sono stati accertati 300 episodi, il cui danno erariale e d’immagine sara’ successivamente oggetto di approfondimento da parte della Corte dei conti.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»