Smog, Bonelli: “Costa 1350 euro a persona, ma Di Maio pensa a taglio parlamentari”

"Il governo sul problema dell’emergenza climatica dovrebbe improvvisare di meno", dice il coordinatore esecutivo dei Verdi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Di Maio insiste che la priorità per questo governo e maggioranza è il taglio dei parlamentari e non l’emergenza climatica precisando anche che non dovranno esserci nuovi balzelli. Non è superfluo far presente a Di Maio che l’inquinamento atmosferico in Italia, secondo l’Agenzia Europea per l’Ambiente ha un costo annuale pari 80 miliardi di euro l’anno pari al 4% del Pil“. Lo scrive in una nota il coordinatore esecutivo dei Verdi Angelo Bonelli.

“Questo significa che ogni anno su ogni cittadino italiano, compresi i neonati, si concentra un costo di 1.350 euro a dovuto all’inquinamento. Il governo sul problema dell’emergenza climatica dovrebbe improvvisare di meno, come accaduto con il Dl clima Costa, e costruire politiche strutturali e non arlecchinate che servono solo a conquistare titoli di giornali ma non a far bene al clima”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»