Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Scomparso a New York Andrea Zamperoni, lo chef di Cipriani Dolci

Avviate le ricerche
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Risulta scomparso dallo scorso weekend Andrea Zamperoni, il capo chef del ristorante Cipriani Dolci con sede a New York, nella stazione Grand Central. Le tracce del cittadino italiano di 33 anni, originario di Zorlesco, frazione di Casalpusterlengo in provincia di Lodi, si sono perse sabato notte, una volta concluso il turno di lavoro. Lo hanno riferito i suoi coinquilini agli inquirenti, così come riporta al stampa americana.

Zamperoni, definito uno “chef di talento” dal ‘New York Post’, risiede nel Woodside, nel Queens, ed è nella Grande mela da oltre un anno, dove si è trasferito dopo aver lavorato per lo stesso ristorante a Londra. Il quotidiano newyorkese ha raccolto anche la testimonianza di Fernando Dallorso, il manager del ristorante, il quale ha definito Zamperoni “un professionista dal cuore d’oro”: “Gli chef- ha aggiunto- hanno spesso un temperamento lunatico. Lui era un tesoro. Era anche un uomo di famiglia. Ha un fratello a Londra e la madre in Italia”. A denunciare la scomparsa alla polizia sono stati i suoi colleghi, dopo che lunedì il giovane non si è presentato al lavoro. Il fratello gemello, che a Londra lavora per la stessa catena di ristoranti, è già partito alla volta di New York per aiutare la polizia nelle ricerche.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»