VIDEO | Consultazioni, Berlusconi: “Se non c’è una maggioranza di centrodestra, si va al voto”

Berlusconi: "M5s-Pd presa in giro, rischio patrimoniale"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Qualora non sia possibile realizzare una maggioranza di centrodestra in Parlamento la strada maestra è una sola: le elezioni”. Così Silvio Berlusconi, parlando al Quirinale dopo il colloquio con il presidente della Repubblica Sergio Mattarella nell’ambito delle consultazioni.

LEGGI ANCHE 

Consultazioni, per le Autonimie ok a Conte bis. Gruppo misto: “No a voto, sì a governo Pd-M5s”

Secondo giorno di consultazioni. Meloni: “Voto subito o incarico a esponente di Centrodestra”

BERLUSCONI: NO GOVERNO DA LABORATORIO M5S-PD, PERICOLOSO

“Un governo non può nascere in laboratorio, non può funzionare se basato soltanto su contratto. Un governo fortemente sbilanciato a sinistra sarebbe pericoloso per le imprese e per la libertà dei cittadini”. 

BERLUSCONI AI GIORNALISTI: ATTENZIONE AL FUTURO, VOGLIONO METTERCI A ZERO

“Attenzione al futuro: ci sono in giro programmi che metterebbero a zero tutta l’editoria, non solo quella televisiva ma tutta l’editoria. Il male che puo’ venirci addosso riguarda non solo una parte della popolazione ma tutti noi, tutti voi”. 

BERLUSCONI: M5S-PD PRESA IN GIRO, RISCHIO PATRIMONIALE

“Mettiamo in guardia dal rischio di un esecutivo frutto di una nuova maggioranza tra diversi, improvvisata, che esiste solo in Parlamento e non nel paese e che non rispecchia assolutamente la maggioranza degli elettori”. L’alleanza tra M5s e Pd non può essere “stabile e credibile, ma una presa in giro degli elettori e un tradimento delle loro volontà”.  Secondo l’ex premier un governo giallorosso espone il paese al “rischio di una imposta patrimoniale che metterebbe in pericolo il risparmio degli italiani e comprometterebbe la crescita”. Berlusconi lancia l’allarme anche su “un’imposta sulle successioni alla francese che arriverebbe fino al 45%” e sarebbe “immorale”.

BERLUSCONI: NON RIFERISCO PAROLE MERKEL SU LEGA-M5S..

“Non riferisco le frasi con le quali la signora Merkel e il presidente Juncker hanno definito il precedente governo perché credo che sarebbero delle frasi che farebbero male a tutti”. 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Agosto 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»