Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Migranti, Fico contro Salvini. Saviano: “Governo infame”

A bordo sono presenti anche donne e minori non accompagnati: "Devono poter sbarcare. Non possono essere più trattenute a bordo"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La giusta contrattazione con i Paesi dell’Unione europea può continuare senza alcun problema, adesso però le 177 persone – tra cui alcuni minori non accompagnati – devono poter sbarcare. Non possono essere più trattenute a bordo, poi si procederà alla loro ricollocazione nella Ue”. Lo dice il presidente della Camera, Roberto Fico, su Twitter.

MIGRANTI. ORFINI (PD): SALVINI E TONINELLI RISPETTINO DIRITTI UMANI

“Sul caso della Diciotti ‘non sono previste al momento novità’ fanno sapere fonti del Viminale. Ovvero Salvini e Toninelli non hanno ‘al momento’ ancora compreso che il rispetto dei diritti umani in Italia vale anche per i migranti. Aprite i porti”. Così su Twitter Matteo Orfini, presidente del Pd.

MIGRANTI. SAVIANO: GOVERNO INFAME, PARLAMENTARI VADANO A CATANIA

“Se esistono ancora parlamentari degni di questo nome, vadano ora a Catania e salgano sulla Diciotti per testimoniare cosa sta accadendo. Toccheranno con mano la generosità della Guardia Costiera e l’infamia di questo Governo”. A lanciare l’appello Roberto Saviano con un post su Facebook, “ovviamente rivolto anche ai parlamentari del M5S- continua Saviano- nonostante la ributtante sudditanza mostrata nei confronti di Salvini”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»