Autostrade, Zaia: “Nazionalizzazione sarebbe bagno di sangue”

ROMA - "La loro idea non mi convince per nulla. Penso che sarebbe un bagno di sangue per la collettività.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “La loro idea non mi convince per nulla. Penso che sarebbe un bagno di sangue per la collettività. Finché resteranno le regole attuali, lo Stato sarà sempre destinato a perdere nel confronto con i privati”. Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, in un’intervista alla Stampa boccia l’idea di riportare alla gestione dello Stato le Autostrade, idea sostenuta da M5S dopo il crollo del ponte Morandi a Genova.

“Se c’è da realizzare un’infrastruttura, i privati fanno sempre più in fretta perché loro possono permettersi di pagare i migliori ingegneri, i migliori manager- dice Zaia- E la tragedia di Genova rischia di rendere ancora più profondo questo gap. Qui rischiamo la paralisi. Perché chi glielo va a dire, a un funzionario pubblico che guadagna 1.500 euro al mese, di prendersi certe responsabilità, tipo firma e decidi?”.

Se in Italia si sono fatte le privatizzazioni “è perché la gestione pubblica aveva creato una voragine paurosa, con annessi e connessi di tipo penale- prosegue- Fu una scelta senza alternative. Semmai lo sbaglio fu allora quello di non avere mantenuto, nelle società privatizzate, una quota pubblica. Cioè qualcuno che agisse come ‘Catone il censore’ a garanzia della collettività”.

E allora “cambiamo pure noi le regole, rendiamo lo Stato in grado di competere sul piano della rapidità, poi parliamone- prosegue il presidente della Regione Veneto- In maniera pragmatica, però; senza limitarci agli spot propagandistici”, come “sostenere che dovunque c’è un cantiere c’è un ladro, o che occorre continuamente azzerare tutto”.

Insomma, “con tutto il rispetto e il profondo dispiacere per le vittime, che reclamano giustizia, ogni considerazione va fatta con la mente lucida”, avverte Zaia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»