Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Pediatria, edizione del 22 luglio 2021

Si parla di vaccino, celiachia, latte e diritti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VACCINARE SOLO FRAGILI? SIPPS DICE NO A PEDIATRI TEDESCHI

“Il Covid-19 in età pediatrica non è una problematica sinecura, la prevenzione vaccinale dai 12 anni in su deve essere fatta. Ci sono dati di letteratura sui bambini in età prescolare, scolare e adolescenziale che evidenziano come una percentuale di minorenni sviluppi la malattia in forma grave. Sono infatti migliaia i casi di sindrome infiammatoria multisistemica, con bambini ricoverati che rischiano il decesso. In età pediatrica la mortalità da Covid-19 addirittura è più elevata di quella registrata in diverse malattie rare”. Nicola Principi, professore emerito di Pediatria dell’Università degli Studi di Milano e referente Sipps, non usa giri di parole e definisce “impropria” la posizione espressa dalla Società tedesca di Pediatria e Medicina dell’Adolescenza, che supporta la raccomandazione del Robert Koch Institute di vaccinare solo i minori con particolari patologie preesistenti tra i 12 e i 17 anni o che vivono con persone adulte fragili, a rischio e che non possono essere vaccinate.

– LA PLACA: GARANTIRE ACCESSO A PEDIATRIA LIBERA SCELTA DALLA NASCITA

“L’accesso ai servizi sanitari, e in particolare alla pediatria di libera scelta, è un elemento fondamentale per il benessere del bambino”. Lo sostiene Simona La Placa, direttrice della struttura complessa di Neonatologia dell’ospedale di Trapani. “È indispensabile la presa in carico del pediatra di libera scelta fin dalla nascita- prosegue la pediatra- perché così può seguire le regolari tappe di sviluppo, e non solo dell’accrescimento, del bambino”.

– ALLATTAMENTO, DAVANZO: SPORT AUMENTA PRODUZIONE LATTE DEL 10%

“Contrariamente a quanto si crede, una madre che rimane incinta mentre sta allattando non deve smettere di allattare. Inoltre, fare attività fisica durante l’allattamento non riduce la quantità di latte prodotto, anzi la aumenta del 10%. Infine, una notizia che non farà piacere a chi apprezza il boccale è che non ci sono evidenze sufficienti per suffragare il luogo comune secondo cui ‘la birra fa latte'”. Sono solo alcuni dei falsi miti sfatati da Riccardo Davanzo, presidente del tavolo tecnico del ministero della Salute sull’allattamento.

– LATTE ASINA, PEDIATRA: NO A BIMBI SOTTO 2 ANNI, POCHI GRASSI

“Non è assolutamente vero che il latte di asina sia un alimento sano e adeguato per i bambini di età inferiore ai 2 anni.”. A spiegarlo è Margherita Caroli, pediatra e nutrizionista della Società italiana di Pediatria preventiva e sociale (Sipps).

– CELIACHIA, DIAGNOSI PIÙ SEMPLICE ANCHE IN BIMBI ASINTOMATICI

In Italia i celiaci diagnosticati sono circa 225.000, di cui circa 52 mila nella fascia di età 6 mesi-17 anni, tuttavia si stima che in realtà siano il triplo perché molti pazienti non sono diagnosticati. Si calcola infatti che i celiaci siano l’1% della popolazione generale, quindi più di 600.000. Ma la diagnosi nei bambini, anche se asintomatici o con pochi sintomi, adesso sarà più semplice. È questa la principale novità contenuta nelle linee guida europee prodotte di recente dalla Società europea di gastroenterologia pediatrica e illustrate da Riccardo Troncone, presidente della Società internazionale per lo studio della celiachia.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»