Torino, un salone del gusto lungo 6 mesi attraverso 5 continenti

Il presidente di Slow Food, Carlo Petrini, lancia il conto alla rovescia che portera', il prossimo 8 ottobre, all'inaugurazione della tredicesima edizione di Terra Madre Salone Del Gusto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

TORINO – “Sara’ il Terra Madre Salone del Gusto piu’ grande di sempre: tocchera’ i cinque continenti, sviluppando una nuova dimensione planetaria”. Cosi’ il presidente di Slow Food, Carlo Petrini, lancia il conto alla rovescia che portera’, il prossimo 8 ottobre, all’inaugurazione della tredicesima edizione di Terra Madre Salone Del Gusto. “Cambia completamente l’impostazione dell’evento- avverte Petrini-, ma sara’ una grande edizione e il mondo intero ne parlera’”.

A raccontare come l’emergenza Covid ha sconvolto i paradigmi di uno dei momenti di aggregazione piu’ importanti per la citta’ della Mole e’ stata Carla Coccolo, in diretta dalla Nuvola Lavazza. “Faremo il contrario di quello che abbiamo sempre fatto- esordisce la responsabile eventi di Slow Food-. In passato portavamo il mondo a Torino, quest’anno invece portiamo Torino e il Piemonte in giro per il mondo”.

A farla da padrona saranno le nuove tecnologie e la modalita’ di eventi diffusi. “Sara’ qualcosa di completamente diverso da quello che abbiamo visto dal ’96 a oggi- prosegue Coccolo-. Non durera’ piu’ cinque giorni, ma sei mesi e, grazie al digitale e alla chiave di eventi diffusi, raggiungeremo molte piu’ persone”.

Preso atto che il format del passato non poteva essere replicato, e’ stato ideato un progetto nuovo e di piu’ ampio respiro. “Sara’ una sfida per tutti- commenta la sindaca di Torino, Chiara Appendino- dobbiamo cambiare l’approccio mentale all’evento. Questa e’ una edizione che come Citta’ abbiamo fortemente voluto e Slow food si e’ dimostrata molto resiliente.
Abbiamo dovuto immaginare come le nuove tecnologie potessero essere una opportunita’. Speriamo che sia possibile fare ad aprile un momento di chiusura della manifestazione in presenza”.

Anche per il governatore del Piemonte, Alberto Cirio, Terra Madre Salone del Gusto e’ un evento a cui non si poteva assolutamente rinunciare e che mostrera’ all’esterno una regione “viva e in salute”. Non cambia il tema della manifestazione, gia’ deciso pre pandemia: “Our Food, Our Planet, Our Future”.

“Vogliamo partire parlando della biodiversita’ dalla terra- spiega Serena Milano, segretaria generale della Fondazione Slow Food-. Questo significa rendersi contro che non siamo padroni della natura, ma vi apparteniamo. Significa cambiare approccio sia a livello territoriale che come societa’. Il cambiamento che ci viene richiesto e’ profondo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»