Torna il Ventotene Film Festival tra anteprime mondiali, premiazioni e grandi ospiti

Dopo uno stop di due anni la XXV edizione si svolgerà dal 24 luglio al 2 agosto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Willem Dafoe, Terry Gilliam, Paolo Sorrentino, Pernille Fischer Christensen, Teona Strugar Mitrevska, Paola Cortellesi, Emanuela Rossi sono solo alcuni dei prestigiosi ospiti della XXV edizione del Ventotene Film Festival. 

Dal 24 luglio al 2 agosto, torna sull’isola pontina l’iniziativa ideata e diretta da Loredana Commonara con competizioni internazionali, anteprime, presentazioni e premiazioni, il tutto all’interno di un’edizione che sempre sposa i valori della sostenibilità ambientale.

Dieci giorni caratterizzati, come nella migliore tradizione del Festival, da un forte respiro europeo, al fine di promuovere gli ideali di unità e condivisione con cui l’Unione Europea è nata e che affondano le proprie radici proprio nella storia di Ventotene e nel noto Manifesto redatto da Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, insieme con Eugenio Colorni e Ursula Hirschmann, durante il periodo di confino trascorso sull’isola.

IL CONCORSO INTERNAZIONALE #OPEN FRONTIERS#

Allo scopo di avvicinare i giovani e gli studenti a tali idee e per sottolineare la forte ragione sociale e culturale che l’evento ricopre sull’isola e non solo, il Ventotene Film Festival ospita nuovamente il concorso internazionale #OPEN FRONTIERS#: una selezione di documentari provenienti da tutto il mondo, valutati da una giuria composta da artisti di chiara fama e da un presidente scelto dalla Direzione Artistica del Festival. Si rinnova, inoltre, l’appuntamento con #OPEN FRONTIERS YOUNG#, il concorso coordinato dal professore Luigi Mantuano e dedicato ai cortometraggi interamente realizzati da studenti italiani (dall’ideazione al soggetto, dalla recitazione alla produzione).

IL PROGRAMMA DELLA XXV EDIZIONE DEL VENTOTENE FILM FESTIVAL

Il fitto programma della XXV edizione prevede oltre 50 proiezioni distribuite in 5 fasce orarie e in due diverse location: alle ore 17:00, 19:00, 21:00 presso il Centro Umberto Elia Terracini e alle ore 22:30, 00:00 sulla suggestiva terrazza Granili, di recentissima ristrutturazione. Tutti i dettagli relativi al programma sono disponibili al sito ufficiale: www.ventotenefilmfestival.com.

Si inizia venerdì 24 luglio, con una giornata dedicata alle isole di Ventotene e Santo Stefano e al carcere borbonico che quest’ultima ospita. Presso il Centro Terracini e i Granili si terranno rispettivamente le proiezioni dei documentari Ritratti di un’isola (Centro Terracini, ore 17.00) e Fine pena mai (Granili, ore 22.30) del regista Salvatore Braca. Quest’ultima proiezione sarà preceduta dall’incontro dal vivo con Silvia Costa, commissario straordinario del Governo per il recupero e il restauro del carcere Borbonico di Santo Stefano in Ventotene e con lo stesso Salvatore Braca. Sarà quindi la volta del docufilm L‘isola di Raffaele di Luigi Cecinelli, che racconta Ventotene attraverso gli occhi di Raffaele D’Angelo – ragazzo con sindrome di down, habitué dell’isola e amato da tutti per la sua passione per la musica – che proprio in questa occasione incontrerà il pubblico del Festival. La serata si concluderà quindi con la proiezione del documentario Words of Ventotene di Marco Cavallarin, Marco Mensa ed Elisa Mereghetti.

Dopo essere rimasti fermi per due edizioni – dichiara Commonara – abbiamo pensato che fosse necessario ricominciare proprio quest’anno perché sappiamo che il cinema è arte e cultura e perché è giusto offrire una scelta in più a chi deciderà di arrivare comunque nella nostra bellissima isola e naturalmente a chi ci vive”.

Il Ventotene Film Festival viene realizzato grazie al contributo del Ministero per i beni e le attività culturali e per il turismo – Direzione Generale Cinema e Audiovisivo, della Regione Lazio e del Comune di Ventotene, sotto l’Alto Patronato del Parlamento Europeo.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»