De Luca: “Uno squinternato da Milano viene a fare razzismo a Napoli e in Campania”

"Se Codogno fosse stato in Campania ci avrebbero messo in croce", ha dichiarato il governatore Vincenzo De Luca all'inaugurazione del depuratore di Marina di Camerota
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – “Ogni tanto viene da Milano qualche squinternato che viene a fare un po’ di razzismo contro Napoli e la Campania“. Lo dice, riferendosi al leader della Lega Matteo Salvini, il governatore e ricandidato alla presidenza della Regione Campania Vincenzo De Luca, parlando durante l’inaugurazione del depuratore di Marina di Camerota (Salerno). Salvini “e’ carta conosciuta, aria fritta – aggiunge -, la verita’ e’ che oggi i cittadini campani camminano a testa alta. Ci rispettano”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | Coppa Italia, De Luca: “Salvini torna a ragliare, razzismo incancellabile”

DE LUCA: “SE CODOGNO FOSSE STATO IN CAMPANIA CI AVREBBERO MESSO IN CROCE”

“Cosa sarebbe successo se Codogno fosse stato in Campania e non in Lombardia? Ci avrebbero messo in croce per altri 50 anni”. Lo ha detto il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante un’iniziativa a Marina di Camerota (Salerno). “Diversamente da come si aspettavano tutti in Italia – ha aggiunto il governatore – la Campania ha retto meglio di tutti la battaglia contro l’epidemia. I migliori ospedali sono qui in Campania”.

“INDOSSATE LA MASCHERINA, EPIDEMIA NON È ALLE NOSTRE SPALLE MA DI FIANCO A NOI”

La mascherina va indossata sempre, anche quando non e’ obbligatoria. Non e’ un grandissimo sacrificio”. Cosi’ il governatore campano Vincenzo De Luca durante un’iniziativa a Marina di Camerota (Salerno). “L’epidemia – ha detto – non e’ alle nostre spalle, ma di fianco a noi. Ai ragazzi, soprattutto, dico di non rilassarsi. Dobbiamo avere senso di responsabilita’ perche’, avendo aperto tutta l’Italia e le attivita’ economiche, ci salviamo solo se c’e’ responsabilita’ da parte di tutti”. “Arriva gente da ogni parte del mondo – ha aggiunto De Luca – da Bangladesh, India, Romania, Bulgaria, Brasile, da Paesi ad elevato contagio e non sara’ possibile controllare tutti. Anche se non sarebbe male controllare meglio le frontiere”.

SCUOLA, DE LUCA: “SU COSA COMBINERÀ MINISTERO, CHE DIO CE LA MANDI BUONA

Ci stiamo preparando a fare 180mila tamponi a tutto il personale scolastico. Poi non so quello che combinera’ il ministero dell’Istruzione. Che Dio ce la mandi buona...”. Lo ha dichiarato il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca durante l’inaugurazione di un depuratore a Marina di Camerota (Salerno). “Dobbiamo essere pronti a mandare i nostri figli a scuola in sicurezza – ha sottolineato il governatore – e noi, entro questa settimana, daremo tutte le autorizzazioni del genio civile per le opere di edilizia scolastica. Dobbiamo essere pronti, al di la’ di quello che fara’, ci auguriamo bene, il governo. Cercheremo di essere all’altezza della sfida”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»