Renzi incalza Conte sul piano di rilancio: “No task force, dibattito parlamentare ad agosto”

matteo renzi giuseppe conte
Il leader di Italia Viva: "E' stato bravo, gliene diamo atto. Ma adesso non abbiamo più alibi"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’Europa ha fatto bene, a differenza del 2012, ottenendo un risultato straordinario. Lei e’ stato bravo, gliene diamo atto, ha fatto l’interesse del Paese e la apprezziamo per questo. Se questa sara’ la strada su cui il governo dovra’ proseguire saremo sempre piu’ convintamente al suo fianco e di chi sceglie l’Europa contro i sovranismi”. Cosi’ il senatore Matteo Renzi, in Aula dopo l’informativa del premier Conte sugli esiti del Consiglio europeo straordinario di Bruxelles.

“Oggi l’Europa batte un colpo, altro che fregatura. Ma questa scelta ci riempie di responsabilita’ perche’ non abbiamo piu’ alibi. Nessuno ora potra’ invocare il nemico come causa del fallimento”, continua Renzi

Si tratta di una fregatura, dice Renzi citando la definizione di Salvini, per “Wilders e per chi non credeva nell’Europa. Ora la partita e’ nelle nostre mani, nel bene e nel male, non e’ facile perche’ la situazione e’ complicata e la crisi morde. Servono scelte coraggiose o anche noi saremo portati via dall’onda del ritorno delle aspettative che abbiamo creato”.

“Presidente- prosegue- sorprenda il Parlamento e il Paese. Anziche’ una task force ci regali ad agosto un dibattito parlamentare in cui la forza della maggioranza sapra’ sfidare le opposizioni non sulla base di un generico programma di riforme ma su un completo business plan. Andiamo in aula ad agosto, sfidiamo l’opposizione e diciamo come vogliamo spendere questi soldi”. 

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»