VIDEO | Conte al Senato: “Non potevamo fallire, piano di ripresa sarà un lavoro collettivo”

Il premier Conte riferisce al Senato dopo il Consiglio Ue sul Recovery Fund: "Quello che consideravo un auspicio oggi è certezza"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Un lungo applauso, da parte della meta’ di maggioranza del Senato, accoglie il presidente del consiglio Giuseppe Conte in Senato, dover riferisce sul consiglio europeo straordinario. “Quello che consideravo un auspicio oggi e’ certezza”, dice Conte commentando un consiglio “di portata storica”.  

LEGGI ANCHE: Recovery Fund, accordo da 750 miliardi. Conte: “Momento storico, ora bisogna correre”

L’Europa che ha detto si’ al Next Generation Eu ha scelto di essere “un’unita’ fondata su un’unione di valori, di storia, di destino” come avvenne “nel secondo dopoguerra”. Il via libera al Next Generation Eu e’ “un risultato che non era affatto scontato a marzo”.

“Voglio ringraziare tutti i ministri- dice Conte- Tutti. Solo permettetemi una particolare menzione al ministro Amendola che era con me a Bruxelles e ha condiviso le difficolta’ che materialmente abbiamo incontrato. Possiamo dirci soddisfatti del risultato positivo, che non appartiene ai singoli, a chi vi parla, al governo o alle forze di maggioranza ma all’Italia intera“.

“Un intenso impegno politico e diplomatico, iniziato ben prima del vertice ha permesso di vedere confermato il volume complessivo della proposta che e’ rimasta integra: 750 miliardi di euro“.

“Devo confessare che ci sono stati momenti in cui la rigidita’ delle differenti posizioni sembrava insuperabile. Ma anche in quei momenti piu’ critici continuavo a maturare la responsabilita’ nei confronti dei nostri popoli. Non potevamo fallire ne’ accedere a un mediocre compromesso o addirittura rinviare la decisione”.

“Il freno di emergenza eventualmente attivabile presso il Consiglio europeo avra’ una durata massima di 3 mesi e non potra’ prevedere il diritto di veto. Abbiamo quindi evitati passaggi all’unanimita’ che avrebbero innescato derive pericolose sul piano giuridico e politico”.

“Il piano della ripresa sara’ un lavoro collettivo, ci confronteremo col parlamento e dovremo impegnarci in questa direzione per alimentare la fiducia nelle istituzioni italiane e nell’Europa”.

LEGGI ANCHE: Renzi incalza Conte sul piano di rilancio: “No task force, dibattito parlamentare ad agosto”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»