Il governatore della Campania De Luca: “L’autonomia differenziata è una truffa”

Il presidente della Regione chiede una "operazione verità" sui fondi al Sud perché "riceve 3000 euro pro capite meno del centro-nord"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Diciamo no alle truffe politiche. L’autonomia differenziata è una truffa: siamo d’accordo a tagliare gli sprechi al Sud ma non è possibile tollerare ancora la spesa storica che cristallizza il divario tra Nord e Sud. È insostenibile”. Ne è convinto il governatore della Campania Vincenzo De Luca, intervistato da Radio 1.

LEGGI ANCHE: Pd nel caos, Faraone pronto alla scissione: “Cacciato per ‘vaffa’ ad alleanza con M5S”

Il presidente della Regione chiede una “operazione verità” sui fondi al Sud perché “riceve 3000 euro pro capite meno del centro-nord. La Campania riceve 108000 euro l’anno pro capite contro i 14900 del centro-nord. Partire dai dati – sostiene – è un elemento imprescindibile e, per questo, la Campania chiede di partire dalla definizione dei Livelli Essenziali di Prestazione, poi la definizione del fabbisogno standard e il fondo di solidarietà per il Sud come prevede la costituzione. Ma nessun gioco di prestigio sulla spesa storica”.

LEGGI ANCHE: Franceschini apre all’alleanza Pd-M5S, Di Maio lo gela: “Noi diversi da chi non si schiera su Bibbiano”

La Campania è anche contraria allo “spezzettamento del sistema scolastico – dice – e sulla sanità va bene la gestione da parte delle Regioni ma con un controllo dello Stato sugli equilibri finanziari”.

De Luca afferma di aver “apprezzato” la presa di posizione del premier Conte “meglio tardi che mai”, dice, e chiede ai governatori del Nord di essere uniti nella battaglia “per la sburocratizzazione e l’efficienza, dando le stesse risorse a tutti i cittadini italiani ma senza spaccare l’Italia. Le cose concrete si fanno – precisa – le utopie, che vogliono sconvolgere il quadro istituzionale del Paese, no. La proposta della Campania ha questo obiettivo ma è nel dimenticatoio”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»