Sos partita Iva: “Sì a salario minino, ma riducendo il cuneo fiscale”

Il presidente di SOS partita IVA, Andrea Bernaudo, interviene sul cosiddetto 'salario minimo orario' allo studio del Governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “L’approccio politico del ministro del Lavoro Di Maio al tema del salario minimo orario è sbagliato. Non ci sono da una parte i ‘buoni’ (cioè quelli come lui) che vogliono portare il salario orario a 9 euro e i cattivi (cioè le imprese) che invece vogliono sfruttare i lavoratori”. Così interviene il presidente di SOS partita IVA, Andrea Bernaudo sul cosiddetto ‘salario minimo orario’ allo studio del Governo.

“La realtà è che l’Italia ha una pressione fiscale reale– spiega Bernaudo- sulle imprese oltre il 65% contro la pressione fiscale media dei paesi OCSE che è al 34%. Dobbiamo misurarci con una zavorra interna di tasse sulle imprese, sui dividendi, oneri previdenziali, burocrazia, costi per energia e spesa pubblica che schiaccia qualsiasi anelito di impresa e mortifica la creatività imprenditoriale degli italiani. In materia di ‘salario orario minimo garantito’ ci sembra avere le idee più chiare il sottosegretario al lavoro Claudio Durigon”.

“Quando Durigon- continua nella nota- parla di provvedimento che deve avere almeno costi invariati per le imprese, coglie nel segno. Siamo tutti d’accordo- conclude il presidente di SOS partita IVA – nel rendere il lavoro dignitoso e i salari orari più alti, ma a patto che sia lo stato a limitare la propria rapacità sulle imprese e a diminuire il cuneo fiscale, e non diventi, come temiamo, un’ulteriore tassa per le imprese, che già chiudono e se possono delocalizzano per fuggire giustamente dall’inferno fiscale italiano. La vera sfida è farle rinascere e ritornare”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»