Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Ilva, Toti: “Non ci possiamo permettere un altro errore. Procedere con gara”

Toti si rivolge a Di Maio: "Basta incertezze, si migliori la trattativa ma si proceda"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Piccolo suggerimento al ministro Luigi Di Maio dalla Val Seriana (Bergamo) dove sono venuto con Siria a trovare la sua famiglia. Caro ministro, anche io penso che l’Italia debba cambiare profondamente, nei prossimi anni, il proprio modello di sviluppo, puntando molto di più sul turismo, la logistica, la ricerca e la tecnologia, la cultura, le produzioni di qualità, l’agricoltura. Ma questo non vuol dire che oggi possiamo permetterci di mettere a rischio il futuro dell’Ilva”. Lo scrive su Facebook Giovanni Toti, presidente della regione Liguria.

“Su questa azienda- aggiunge- si è sbagliato molto nel passato, un nuovo errore potrebbe essere fatale. La chiusura di Ilva sarebbe un disastro per tutti: per i cittadini chiamati a pagarne le spese (almeno 2,5 miliardi di euro nelle prossime finanziarie) per i lavoratori (almeno 15mila in cassa integrazione e molte migliaia lasciate a casa dall’indotto) per il paese, la seconda potenza manifatturiera del continente e la settima del mondo, costretta a dipendere per l’acciaio necessario alla sua industria da altri stati: Cina, India, Usa o nella migliore delle ipotesi dalla Germania. E in un’epoca di dazi e guerre commerciali non sembra una buona idea. Quindi basta incertezze: si migliori quel che si può nella trattativa in corso e si proceda a far ripartire a pieno ritmo l’azienda, da cui dipende un punto percentuale della crescita (già scarsa) del nostro Paese. Ogni altra ipotesi, ancorché suggestiva, rischia di costare davvero cara a tutta l’Italia”.

Leggi anche:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»