Siccità, l’annuncio di Acea: a Roma acqua razionata dal 28 luglio

Un milione e mezzo di persone resteranno senza acqua
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Da qui “a sette giorni non ci sara’ nessuna soluzione, se non quella di razionare l’acqua dei romani. Questo succederà da venerdì 28 luglio per un milione e mezzo di cittadini”. Lo ha detto il presidente di Acea Paolo Saccani, intervistato da Sky Tg24.

Queste misure, dice ancora, “impatteranno” su un milione e mezzo di persone, ma anche sui palazzi delle istituzioni, sulle ambasciate. Parliamo della capitale dell’Italia, non faremo certo del bene all’immagine internazionale del Paese e tutto per 1,5 millimetri al giorno”.

Dunque, ribadisce, da qui al 28 non succedera’ niente, poi ci sara’ “un piano di razionamento dell’acqua a Roma. Noi non la fabbrichiamo l’acqua“.

LEGGI ANCHE

Siccità, Galletti: “Regione Lazio può chiedere stato di emergenza ma non facciamo allarmismi”

A Roma è guerra dell’acqua, Raggi a Regione e Acea: “Garantitela”

Zingaretti lancia l’allarme: “L’acqua di Roma sta finendo”

Roma, appello Croce Rossa a Raggi: “Non chiudere nasoni, non è soluzione”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»