hamburger menu

Allarme caldo a Firenze: scatta l’allerta rossa

Previsto un drastico aumento delle temperature giovedì 23 e venerdì 24 giugno. Il Comune fa scattare le contromisure

caldo

FIRENZE – La morsa del caldo non si allenta. Anzi, anche a Firenze da domani è prevista la prima ondata di calore della stagione. Il nuovo bollettino del sistema operativo nazionale di previsione e prevenzione degli effetti del caldo sulla salute conferma per oggi il codice arancione, mentre per domani e venerdì fa scattare il codice rosso. Le condizioni dettate da alte temperature per più giorni consecutivi, tassi elevati di umidità, forte irraggiamento solare e assenza di ventilazione rappresentano un rischio per la popolazione, ricorda una nota di palazzo Vecchio.

Oggi e domani la temperatura percepita sarà di 35 gradi, venerdì salirà a 36. L’amministrazione comunale ricorda ai cittadini che per prevenire le conseguenze nocive delle ondate di calore è importante seguire le 10 semplici regole pubblicate sul sito del ministero della Salute, in modo da limitare l’esposizione alle alte temperature, facilitare il raffreddamento del corpo e proteggere le persone più fragili.

IL COMUNE CHIEDE AIUTO AI MEDICI PER GLI ANZIANI

La morsa del caldo non si allenta su Firenze, il Comune fa scattare le contromisure a beneficio dei più fragili, in particolare gli anziani che vivono da soli. Parte così un appello ai medici di famiglia firmato dall’assessora comunale al Welfare, Sara Funaro: “Segnalateci gli anziani soli e le persone fragili per l’inserimento nel servizio di sorveglianza attiva. Per aiutare anziani e soggetti fragili ad affrontare al meglio il caldo e le alte temperature la collaborazione dei medici di famiglia è fondamentale. Grazie al loro aiuto saremo infatti in grado di intercettare più facilmente le situazioni maggiormente critiche e intervenire con azioni mirate”.

Funaro sottolinea: “Abbiamo a cuore i nostri anziani e teniamo molto alla loro salute, il loro benessere è al centro delle nostre azioni amministrative, che puntano a offrire loro servizi sanitari e sociali di qualità”. Il servizio di monitoraggio telefonico, ovvero la sorveglianza attiva, viene rafforzato nei periodi di ondata di calore e si affianca ai cosiddetti ricoveri di sollievo coi quali vengono offerti alle famiglie l’opportunità di alleggerire per due mesi l’impegno di cura e ai ricoveri in struttura d’urgenza. Palazzo Vecchio ricorda, inoltre, che sono attivi anche i servizi di assistenza e pasti a domicilio e di teleassistenza.

Vista la situazione critica, Funaro invita tutti “ad assumere comportamenti di prudenza: dal non uscire nelle ore più calde, al bere più spesso e mangiare alimenti leggeri”. Un’esortazione indirizzata soprattutto ad anziani e fragili. “Firenze- conclude l’assessora- da sempre mette a disposizione dei servizi di protezione per questa fascia di popolazione: il benessere e la qualità della vita delle persone che, anche in questo momento, possono essere in difficoltà è al centro del nostro impegno”.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-06-22T17:52:16+02:00