Coronavirus Campania, ‘cordone sanitario’ a Mondragone: 700 persone in isolamento domiciliare

I casi sarebbero da collegare a una donna di nazionalità bulgara residente nei Palazzi Cirio che ha scoperto di essere positiva al Covid-19 dopo essersi recata all'ospedale per partorire
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

NAPOLI – Un “cordone sanitario” istituito in via precauzionale nell’area dei Palazzi Cirio a Mondragone, in provincia di Caserta. Lo ha deciso il sindaco Virgilio Pacifico. Dopo due casi di positivita’ al Covid-19 registrati nella giornata di ieri, “oggi sono emersi nuovi positivi asintomatici che si aggiungono ai due gia’ accertati“, ha fatto sapere il primo cittadino a margine di un tavolo tecnico provinciale con questura, prefettura, comando generale dei carabinieri, Provincia di Caserta, Asl e Unita’ di crisi regionale.

La scelta di predisporre un “cordone sanitario” risponde alla necessita’ di “scongiurare ulteriori contagi a tutela della salute della nostra intera comunita‘. Saranno, in seguito, comunicati, in collaborazione con l’unita’ di Crisi Regionale – ha reso noto il Comune di Mondragone – ulteriori valutazioni ed eventuali nuove decisioni per gli aspetti di propria competenza”. Tutti i casi sarebbero da collegare a una donna di nazionalita’ bulgara, residente nei Palazzi Cirio di Mondragone, che ha scoperto di essere positiva al Covid-19 dopo essersi recata all’ospedale di Sessa Auruna per partorire. 

L’ORDINANZA DEL PRESIDENTE DELLA CAMPANIA VINCENZO DE LUCA

Obbligo di isolamento domiciliare, con divieto di allontanarsi dall’abitazione, per tutti coloro che dimorano nell’area dei Palazzi Cirio di Mondragone (Caserta). Lo sancisce un’ordinanza firmata dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, preso atto di un nuovo focolaio sorto nel territorio. In particolare, oggi l’Asl di Caserta ha segnalato che, ai due casi di positivita’ al Covid-19 accertati nei giorni scorsi se ne sono aggiunti altri, per un totale di otto persone positive, in prevalenza asintomatiche. Risiedono tutti nei quattro condomini dei palazzi Cirio, strutture “fortemente popolate – si legge nell’ordinanza – e ad alta promiscuita’”, e sono di nazionalita’ straniera, principalmente bulgari. L’Asl di Caserta ha gia’ programmato uno screening sierologico per tutti i residenti, circa 700 persone. Per chi abita nei palazzi Cirio e’ vietato l’allontanamento anche per lo svolgimento dell’attivita’ lavorativa.

Il Comune di di Mondragone e altre strutture come la Protezione civile dovranno occuparsi di somministrare generi di prima necessita’ ai residenti. Su tutto il territorio comunale e’ inoltre obbligatorio indossare le mascherine sia negli spazi all’aperto che in quelli chiusi. Le disposizioni sono in vigore da oggi fino al 30 giugno.

LEGGI ANCHE:

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Giugno 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»