Diede fuoco alla moglie Maria Antonietta Rositani, il pm chiede 20 anni per Ciro Russo

Il massimo della pena. Rositani: "Mi ha macellata"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Procura di Reggio Calabria ha chiesto 20 anni, il massimo della pena, per Ciro Russo, l’uomo che nel marzo 2019, dopo anni di denunce, tento’ di uccidere la ex moglie, Maria Antonietta Rositani, dandole fuoco. La donna, che da allora ha subito moltissimi interventi ed e’ ancora ricoverata all’ospedale metropolitano di Reggio Calabria, ha raccontato la sua terribile esperienza nel corso di una diretta Facebook condotta dalla senatrice del M5s, Cinzia Leone, nell’ambito del ciclo di approfondimento in streaming ‘Nemmeno con un clic’, dedicato al contrasto e alla prevenzione di ogni forma di violenza, anche attraverso l’uso di internet e delle nuove tecnologie.

LE VIOLENZE SUBITE 

“Tutto ebbe inizio 20 anni fa, quando l’ho conosciuto- racconta Maria Antonietta dal suo letto d’ospedale- Mi e’ piaciuto perche’ mi ha fatto sentire protetta, sicura, ma gia’ da subito ho avuto il cenno che era violento”. Dopo anni “di violenze” nel 2018 l’uomo viene arrestato “per maltrattamenti in famiglia” e gli vengono concessi “gli arresti domiciliari, che lui sconta nella casa dei genitori a Ercolano”. Nel marzo 2019 “ebbe la bella idea di scappare e di raggiungermi a Reggio Calabria. Prima di quel momento io avevo fatto due telefonate alla Polizia, dicendo che avevo saputo da mio padre che Ciro Russo era scappato, e che volevo essere tutelata, protetta- racconta- Nel momento in cui mi ha speronato io chiamai di nuovo la Polizia e dissi che mio marito mi stava dando fuoco. Poi lanciai il telefono. Ha bruciato prima la macchina e poi, quando sono uscita, mi ha detto ‘Muori’ e mi ha lanciato la benzina addosso– ricorda la donna- C’era una pozzanghera e mi sono spenta e ho bevuto quell’acqua. Cosa che mio marito nega, dicendo che il peggio era capitato a lui che aveva dovuto spegnere il fuoco con le sue mani”. La donna ha poi sottolineato l’importanza della vicinanza della famiglia e il coraggio della figlia Annie che “in tanti momenti si e’ messa davanti a lui per evitare che mi facesse del male”, tanto che una sera “le diede uno schiaffo talmente forte da buttarla a terra e distruggerle la bocca. A quel punto ho chiamato i carabinieri, ma non ho avuto molta vicinanza. Hanno detto a Annie: ‘Quante volte un papa’ da’ uno schiaffo a una figlia?’. E a me dissero: ‘quante volte ci si bisticcia?'”.

L’APPELLO DI MARIA ANTONIETTA

Maria Antonietta lancia un appello alle donne che vivono situazioni di violenza: “Il messaggio che vorrei mandare a tutte loro e’ che dobbiamo finirla di pensare che siamo succubi di questi uomini. Perche’ noi pensiamo quasi di meritarci quello che ci viene fatto e di essere in grado di far diventare questi uomini persone nuove. In realta’ non cambieranno mai. Noi donne dobbiamo denunciare subito, perche’ questi uomini possano finire di macellarci. Mio marito- conclude amara- mi ha macellato”. E l’invito a denunciare e a non sopportare arriva anche dalla senatrice Leone: “Sara’ nostro dovere tutelare le vittime di violenza e voi che avete il coraggio di denunciare- dice- È un fenomeno che va affrontato con un’informazione corretta, per garantire una tutela a 360 gradi, soprattutto economica, a queste donne, che spesso, dipendendo economicamente dal proprio partner maltrattante, non denunciano e sopportano. Abbiamo tutte insieme tanto da fare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»