A Bologna striscioni di Forza nuova contro il Pride

"E' una pagliacciata". Ma specificano che sarà questa l'unica azione contro la manifestazione per i diritti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Per oggi pomeriggio, Da Forza Nuova dicono che non faranno “casino perché non reputiamo sia corretto”, ma intanto la loro l’hanno detta con degli striscioni appesi stamane ai Giardini Margherita, proprio dove andrà in scena il Bologna Pride. “A chi piace il culatello? A noi”, campeggia in uno, “Etero Pride”, in un altro. A fare il ‘raid’ forza nuova gay pride bodimostrativo, appunto è il dipartimento femminile di Bologna di Forza Nuova, che ha deciso di contrastare il Pride atteso oggi pomeriggio in città perché, “alle pagliacciate si risponde con le pagliacciate”.

“Anche quest’anno andrà in scena la carnevalata, fuori stagione, della confraternita Lgbtqi (La Gaya Bologna Troieggia Quasi Indecentemente)”, scrive Forza Nuova. A cui danno fastidio due cose: che il tutto sarà “a spese dei cittadini” e che “durante la kermesse si forza nuova gay pride bovedranno scimmiottamenti di atti sessuali e sbandieramenti di vibratori. Il tutto davanti ai bambini”. Per Forza Nuova, “il caro sindaco Virginio Merola anche quest’anno ‘al fa al buson col cul di eter-o’“, non solo perché il Comune ha concesso il patrocinio alla manifestazione a sostegno dei diritti della comunità lgbtqi, ma anche “per i costi che dovrà affrontare per la pulizia delle strade”. In ogni caso gli striscioni, appesi questa mattina alle 7, saranno l’unica azione contro il Pride, dice ancora Forza Nuova. “Democraticamente abbiamo contestato la cosa e allo stesso modo lasciamo che facciano”, spiega Selene Ticchi di Forza Nuova Bologna, (la stessa esponente Di Fn resa famosa dalla vicenda della maglietta Auschwitzland a Predappio l’anno scorso). “Non facciamo casino perché non reputo sia corretto- conclude Ticchi- a noi da fastidio quando cerchiamo di fare qualcosa e loro cercano di impedircelo”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Giugno 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»