Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, Vittorio Sgarbi: “Anziché capre potrei dire ‘raggini’. Voto a lei è 1”

"I reati per cui è indagata sono reati minori, ma la colpa di essere inetti è gravissima", commenta il critico d'arte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Virginia Raggi “sì è data sette e mezzo per il suo primo anno da sindaco di Roma”, invece “è colpevole di essere incapace. I reati per cui è indagata sono reati minori, ma la colpa di essere inetti è gravissima. Lei non vale, e quando uno non vale ne deve prendere atto e togliere il disturbo, non stare lì a disturbare. A lei darei 1 come voto, era meglio Ignazio Marino. Anzi, ora invece di capre potrei dire raggini, raggini, raggini!”. A dirlo è Vittorio Sgarbi, intervenuto nel corso di Ecg, il programma condotto da Roberto Arduini e Andrea Di Ciancio, su Radio Cusano Campus, l’emittente dell’Università degli Studi Niccolò Cusano.

LEGGI ANCHE Un anno di Virginia Raggi, lei: “Voto sette e mezzo, stiamo cambiando tutto” VIDEO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»