Falsi invalidi, scoperti 12 casi a Catania

Medici specialisti con certificazioni false consentivano la fruizione di indennità d'accompagnamento o pensioni d'invalidità a chi non ne avrebbe avuto il diritto
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

PALERMO – Sono 12 i casi di falsi invalidi scoperti dalla procura e dai carabinieri di Catania nell’ambito dell’inchiesta ‘Esculapio’, che ha portato a cinque arresti e a un divieto di esercizio della professione medica per altrettanti camici bianchi. Tra gli arrestati anche Giuseppe Blancato, individuato come il medico che curo’ il boss catanese Nitto Santapaola: per quel fatto venne poi assolto dalla Cassazione. Gli inquirenti hanno scoperto anche “elementi di reita’” nei confronti di 21 indagati tra assistiti e altri medici. Gli assistiti sarebbero stati “indottrinati” dai medici “affinche’ accentuassero le loro patologie”, anche “utilizzando inappropriatamente pannoloni, sedie a rotelle e stampelle”. Il tutto era finalizzato a “palesare oltremodo la gravita’ della patologia in esame” e quindi “inducendo in errore” la commissione medica dell’Asp e quella sanitaria dell’Inps di Catania. Il valore della truffa, la cui stima e’ ancora in corso, secondo gli inquirenti sarebbe di “migliaia di euro mensili”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Maggio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»