Europee, Fiorella Mannoia: “No alle divisioni, ma dal Pd mi aspetto le scuse”

La cantautrice ha annuciato che alle Europee votera' la Lista della Sinistra. Ed ha concesso al Pd di utilizzare il suo ultimo brano "Il peso del coraggio" per la parte finale della campagna elettorale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fiorella Mannoia torna a sinistra, dopo aver votato per il Movimento Cinque Stelle. Ma non e’, il suo, un ritorno a cuor leggero. La cantautrice ha annuciato ieri che alle Europee votera’ la Lista della Sinistra. Ed ha concesso al Pd di utilizzare il suo ultimo brano “Il peso del coraggio” per la parte finale della campagna elettorale.

Ma su facebook, Mannoia spiega che “aspetta ancora le scuse da una sinistra che ha indotto tanti come me a dirottare, anche sbagliando, la propria speranza da un’altra parte”. La cantante spiega: “Quando la mia sinistra, quella che ho sempre votato da quando ne ho diritto dai PCI, PDS, DS, L’ULIVO, PD e tutte quelle altre diavolerie di nomi che gli hanno affibbiato nel corso di questi decenni, chiederà scusa a me e una larga percentuale di gente che ha votato da un’altra parte perchè si è sentita tradita, solo allora chiederò scusa anche io. Chiedetevi dove sono andati a finire tutti i voti persi e perchè. A volte tanta gente di “sinistra” con la loro intolleranza e saccenza, si comporta come la peggiore destra. Ma si’, andiamo avanti così, facciamoci del male”.

Questo non c’entra con la decisione di concedere il brano a Zingaretti. “Mi ha chiesto il permesso di usare la mia canzone. Non vedo perchè negarglielo. Non mi sembra il momento di divisioni, c’è un pericolo più grande da combattere: Fermare questa destra, e non è solo un problema Italiano. Se la gente vuole continuare a creare divisioni e alzare muri, che lo faccia pure. Io vado avanti per la mia strada e non devo dimostrare niente a nessuno. La mia storia e li e è pubblica”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»