VIDEO | Autobomba a Mogadiscio, fonti alla Dire: “Spari in corso”

Ci sarebbero almeno cinque vittime. Un'autobomba con a bordo un kamikaze e' esplosa presso un checkpoint della polizia, nel cuore della capitale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Questa mattina si è verificato un attentato nel centro di Mogadiscio. Un’autobomba con a bordo un kamikaze è esplosa presso un checkpoint della polizia, nel cuore della capitale, in prossimità di un monumento della resistenza dei giovani somali contro l’occupazione fascista”. Lo riferisce alla ‘Dire’ Shukri Said, blogger e giornalista, inviata di ‘Radio Radicale’ in Somalia. Al momento sembra che ci siano almeno cinque vittime, secondo alcuni media locali.

Said ha inoltre girato un video presso l’Hotel Villa Sore, in cui risiede. La struttura è situata non lontano dal punto in cui l’attacco è avvenuto: nella Zona blu, l’area di maggior sicurezza della capitale, sede del Palazzo presidenziale. Nel video la giornalista mostra che nella deflagrazione la finestra della sua stanza d’albergo è esplosa, scaraventando un frammento di tegola sul letto. “Per fortuna mi trovavo altrove e non sono rimasta ferita- riferisce nel video Shukri Said- Sentiamo ancora gli spari, ma ancora non sappiamo che cosa stia accadendo“. Secondo le prime notizie diffuse dai media locali, nell’esplosione sono rimasti coinvolti due parlamentari, Hassan Shabel e Maryan Arif, che fortunatamente hanno riportato solo leggere escoriazioni. I media confermano che all’esplosione è seguito un conflitto a fuoco tra forze della sicurezza e un commando di uomini armati. In Somalia negli ultimi mesi si sono intensificati gli attacchi della milizia jihadista degli Al-Shebaab, legati ad Al-Qaeda, che punta a rovesciare il governo.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»