Radio Radicale, Di Maio: “Serve soluzione senza intervento diretto dello Stato”

"Io non ho nessun interesse a far perdere posti di lavoro e a spegnere una radio, serve una soluzione ragionevole che non preveda un contributo diretto"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dobbiamo trovare una soluzione ragionevole che tuteli i posti di lavoro senza un intervento diretto dallo Stato”. Lo dice Luigi Di Maio a Radio Anch’io parlando di Radio Radicale la cui convenzione con il Mise è scaduta.

Per il vicepremier “si sono versati milioni a questa radio e non ad altre che stanno sul mercato. Io non ho nessun interesse a far perdere posti di lavoro e a spegnere una radio, serve una soluzione ragionevole che non preveda un contributo diretto”. A Giachetti dice: “spero che possa tornare a bere e mangiare”.

RADIO RADICALE. DI BATTISTA: LEGITTIMO TAGLIARE FONDI EDITORIA

le soluzioni sono dietro l’angolo. Basta volerle. La cara Emma potrebbe chiamare il suo amico George Soros e, dopo averlo ringraziato per i 200.000 euro appena donati da lui a +Europa, potrebbe chiedergli per Radio Radicale l’1% di tutto ciò che incassò nel 1992 con quella speculazione che fece a danno della lira e della nostra economia. Speculazione legittima si dirà, come è legittimo tagliare i fondi all’editoria aggiungo io”. Lo scrive su facebook Alessandro Di Battista (M5s).

“Se, per vergogna (sempre brutto chiedere i soldi a soggetti diversi dal Popolo italiano) la Signora Bonino non volesse scegliere questa strada ne suggerisco un’altra- prosegue-. Tutti i parlamentari del PD (ma anche degli altri partiti, dalla Lega a Forza Italia) che in queste ore si stanno stracciando le vesti per Radio Radicale siano generosi: donino i loro assegni di fine mandato (le loro cospicue liquidazioni insomma) alla causa. Credetemi sarebbero più che sufficienti”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

22 Maggio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»