Aaroi-Emac: “Il 24 maggio a Roma meeting Saqure su ‘sistema’ settore”

ROMA – “Il Sistema Sanitario italiano continua a patire le conseguenze di tagli economici e di deregulation normative e amministrative che lo colpiscono senza alcun riguardo ormai da troppi anni. Tra i progetti politici succedutisi a più riprese per una sua riorganizzazione che ne implementi e ne riqualifichi il valore ed i risultati finora ottenuti a tal fine c’è una distanza che aumenta di giorno in giorno. Negli ospedali, sia pubblici sia privati, la realizzazione degli obiettivi di produttività e di qualità succedutisi nel tempo per rilanciare una sanità efficiente ed efficace è un percorso ad ostacoli, tanto per i pazienti quanto per i professionisti. ‘Isorisorse’ è stato il mantra tossico impostoci dalle strategie politico-economiche di governo del Ssn, a livello sia centrale sia locale. Un mantra mendace sin dal suo esordio: le risorse su cui il Ssn può contare, infatti, sono sempre più scarse, altro che ‘iso’. Ma gli ostacoli che i professionisti della sanità incontrano ogni giorno nel garantire ai cittadini il pieno diritto alla salute vanno comunque superati. A tal fine, la loro conoscenza del sistema e delle sue regole, con cui devono quindi confrontarsi, è fondamentale e richiede una formazione dedicata. Questo è il motivo fondamentale per cui l’Aaroi-Emac quest’anno ha introdotto nel suo appuntamento annuale di formazione ed aggiornamento professionale sessioni specificatamente dedicate a quest’ambito”. Così il Presidente Nazionale dell’Associazione, Alessandro Vergallo, presenta Saqure (SAfety, QUality, REliability), il Meeting che il Sindacato degli Anestesisti Rianimatori Italiani ha organizzato a Roma dal 24 al 26 maggio.

Tre giorni pensati per formare i partecipanti su problematiche contrattuali, ma anche organizzative e strutturali oltre che relative alla qualità e alla sicurezza dei servizi. Temi concreti che vanno, ad esempio, dal Ccnl alla contrattazione decentrata, ma anche relazioni di esperti su come funziona un ospedale e di che cosa deve occuparsi un direttore sanitario o su come funziona una rete formativa e come si imposta una gara per le forniture ospedaliere. 

“I medici devono conoscere le regole alla base di un sistema sanitario organizzato per garantire la sicurezza e la qualità dell’intero percorso assistenziale- spiega Franco Marinangeli, presidente del Meeting- Saqure vuole essere un momento di riflessione comune in cui discutere i grandi temi organizzativi, e in cui su tali temi si faccia cultura nei confronti di chi è giornalmente in trincea, in prima linea. Riteniamo, infatti, che la conoscenza di simili argomenti possa contribuire a riportare serenità ed equilibrio nei luoghi di lavoro”.

Nel meeting, ampio spazio sarà dedicato ai diversi aspetti relativi alla responsabilità professionale, in particolare alla luce della recente Legge Gelli-Bianco, con- tra gli altri approfondimenti- una simulazione di un contenzioso medico legale nei confronti di un anestesista rianimatore con la presenza di avvocati e consulenti tecnici.

Si farà anche il punto sulle maxi-emergenze, con la presenza di rappresentanti del Cnsas e sull’Elisoccorso in Italia, con approfondimenti sugli eventi critici, sulla sicurezza e qualità degli elicotteri e sui modelli organizzativi. Inoltre, nel Meeting esordirà una sessione sulla comunicazione, sia tra medico e paziente sia all’interno dell’équipe professionale, con un focus dedicato alla Comunicazione Digitale.

Si svolgerà, infine, sabato mattina l’evento dedicato al “Biotestamento dopo la Legge 219/2017” in cui, tra gli altri, saranno presenti Amato De Monte, Beppino Englaro e Maria Antonietta Farina Coscioni. Nello stesso giorno verrà affrontato un altro tema di estrema attualità, con l’approfondimento sul “Buon uso del sangue”, in cui è prevista una relazione dedicata alla gestione del Paziente Testimone di Geova, conclude l’Aaroi-Emac.

22 Maggio 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»