Covid, a Firenze si teme una quarta ondata: “Abbiamo gli ospedali ancora pieni”

ospedale sant'orsola bologna terapia intesiva covid
Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus, invoca "responsabilità e giudizio" per scongiurare un altro picco di contagi: "Non riusciremmo ad assistere tutti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Le riaperture del governo lasciano i medici con “un po’ di preoccupazione”, perché “i nostri reparti sono ancora affollati di malati“. Lo sottolinea Giancarlo Landini, presidente della Fondazione Santa Maria Nuova Onlus di Firenze, che invoca “responsabilità e giudizio in un momento ancora complesso nella lotta al coronavirus”. Il punto, spiega Landini, che è anche direttore del dipartimento delle specialistiche mediche dell’Asl Toscana Centro, è che “se dovesse verificarsi una nuova crescita di contagi, durante questa terza ondata non ancora finita, ci troveremmo davanti a un problema enorme. Non possiamo rischiare una quarta ondata Covid con gli ospedali ancora pieni“.

Nella Asl Toscana Centro, sottolinea, “abbiamo 1.250 posti occupati e anche ieri ci sono stati 20 nuovi ricoveri. Nell’ultimo periodo riusciamo ad avere un equilibrio tra dimissioni e ingressi, ma il numero di malati è enorme: 700 pazienti nei reparti Covid, oltre 100 in rianimazione, più di 400 nelle aree low care. Quest’anno siamo stati capaci di curare tutti, ma se ci fosse un’altra ondata in poco tempo, non sappiamo se riusciremmo ad assistere tutti“. Per questo quello calcolato dall’esecutivo “è un grosso rischio”.

Per Landini, quindi, “ci sono due condizioni per poter ripartire. Prima di tutto procedere il prima possibile con le vaccinazioni di massa, come quelle fatte in Israele e in Gran Bretagna”. La seconda “è che le persone comprendano i giusti comportamenti: occorrono ancora distanziamento sociale e protezioni efficaci. Smettiamo di pensare che l’epidemia sia finita. Dobbiamo abituarci a vivere in maniera diversa e più responsabile. La malattia è ancora molto diffusa, come dimostrano i dati a livello locale e mondiale”.

In questo senso, conclude, “il vaccino per essere efficace nella collettività, deve riguardare quasi la totalità della popolazione, quindi avremo bisogno ancora di tempo. Pensare che il Covid sparisca all’improvviso con il caldo dell’estate è un pensiero infantile da combattere”. Le persone “devono prendere coscienza della situazione e il governo impegnarsi a trovare i vaccini. Se l’Europa non li fornisce, allora vanno reperiti altrove. Noi medici stiamo lavorando sodo e senza sosta da oltre un anno, ma anche noi abbiamo dei limiti”.

LEGGI ANCHE: Covid, Gimbe: “Se sarà tana libera tutti, peggioramento a maggio”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»