Covid, la Lega avverte : “Con il coprifuoco alle 22 gli italiani andranno in vacanza all’estero”

ristoranti chiusi_covid_coprifuoco
"È un elemento su cui non ci siamo trovati in completo accordo ed è giusto che le cose si dicano", ha detto il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Stare al Governo non significa stare zitti. Non abbiamo condiviso tutti i contenuti del decreto. A nostro avviso bisognava essere un po’ più sensibili a quelle che sono le aspettative di tanti cittadini, con prudenza, con intelligenza, con tutte le misure di sicurezza. Mettendo il coprifuoco alle 22 fino al 31 luglio penso che la stragrande maggioranza dei cittadini italiani poi rischino di prenotare vacanze all’estero”. Lo ha detto il capogruppo della Lega al Senato, Massimiliano Romeo parlando ai cronisti fuori da Palazzo Madama.

LEGGI ANCHE: Momento della verità tra Draghi e Salvini, i numeri stanno col premier

La domanda è perché non fare misure fino a fine maggio, facendo magari ogni 15 giorni delle verifiche. È giusto, un decreto riapertura deve tenere conto dei mesi a venire però sul coprifuoco, visto che i ristoranti sono aperti la sera, si poteva pensare almeno di estenderlo alle 22.30 se non si voleva alle 23. È un elemento su cui non ci siamo trovati in completo accordo ed è giusto che le cose si dicano. Si sta al Governo e si mettono in evidenza le proprie proposte in maniera garbata”, ha concluso.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»