VIDEO | Coronavirus, MetroXRoma: “Con vincoli allentati, fondi per la linea C e la metro D di Roma”

"Roma deve ripartire da una consapevolezza: che non vanno messe in discussione le grandi opere infrastrutturali"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA –  “Roma deve ripartire da una consapevolezza: che non vanno messe in discussione le grandi opere infrastrutturali e che non va fatto alcun passo indietro sugli obiettivi di lungo periodo. Bisogna accelerare e spingere al massimo per portare la linea C oltre piazza Venezia, per riprendere in mano il progetto della linea D e potenziare tutto l’esistente, ovvero le linee A e B e le linee ex concesse”. Cosi’ Andrea Biancucci, portavoce del comitato MetroXRoma (MXR) nel corso di una video intervista con l’agenzia Dire.

“Il sistema della Mobilita’- spiega Biancucci- sicuramente e’ una vittima inevitabile delle politiche di restrizioni sociali. Un autorevole studio pubblicato recentemente su ‘Science’ valuta l’estensione delle misure restrittive a tutto il 2022 o, nella peggiore delle ipotesi, al 2024. Nel campo della mobilita’ e’ un orizzonte breve o medio. Quello piu’ lungo non sara’ ragionevolmente compromesso in alcun modo. Noi del comitato MetroXRoma, con le modalita’ che abbiamo utilizzato in questi anni, ci batteremo sicuramente per evitare che vengano rallentati o peggio compromessi tutti gli interventi fondamentali per la mobilita’ sul lungo periodo, a partire proprio dalle metropolitane, che sono tra i piu’ onerosi ma anche quelli che restituiscono un valore aggiunto economico e sociale maggiore”.

“Per spingere al massimo sulla linea C- conclude Biancucci- bisogna mettere in campo tutta la forza politica e le possibilita’ tecniche. Oggi e’ verosimile pensare che saranno piu’ accessibili le risorse economiche con l’allentamento plausibile delle maglie della politica economica”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

22 Aprile 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»