Coronavirus, Iss: “Covid e animali da compagnia: ecco come comportarsi”

"Gli animali da compagnia possono essere potenzialmente esposti al virus SARS-CoV-2"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA –  “Gli animali da compagnia possono essere potenzialmente esposti al virus SARS-CoV-2 in ambito domestico e contrarre l’infezione attraverso il contatto con persone infette. Ciononostante, allo stato attuale, non esistono evidenze che gli animali da compagnia svolgano un ruolo epidemiologico nella diffusione all’uomo di SARS-CoV-2. Anzi, il rapporto con gli animali e’ importante per il nostro benessere in questo periodo di forzato isolamento”. Lo scrive in una nota l’Istituto Superiore della Sanita’ in base all’ultimo rapporto tecnico “animali da compagnia e SARS-CoV-2: cosa sapere, come comportarsi” .

Tuttavia, si legge nella nota, “per proteggerli e’ necessario adottare precauzioni per un accudimento sicuro, soprattutto se si e’ contagiati. L’ultimo rapporto tecnico dell’ISS, realizzato dal Gruppo Sanita’ Pubblica Veterinaria e Sicurezza Alimentare, fa il punto sugli studi piu’ recenti relativi alla suscettibilita’ di alcune specie animali e offre indicazioni su come migliorare le conoscenze per la gestione degli animali da compagnia nell’attuale contesto epidemico.

Ecco il link dell’ultimo rapporto tecnico: https://www.iss.it/documents/20126/0/Rapporto+ISS+COVID-19+n.+16_2 020+animali+%281%29.pdf/151c05b1-7f1e-4419-e929-57684b1931a1?t=158 7543467422

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»