A Bologna riapre piazza Aldrovandi, Lepore: “Prendiamocene cura”

"Le potenzialità ci sono, sta a noi tutti lavorare per migliorarla"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – “Questa è una piazza che finalmente riavrà un bagno pubblico, che ha i muri puliti, è un’attività commerciale, e ha anche lo spazio per attività culturali. Quindi, se migliorerà o peggiorerà sta solo a noi, che dobbiamo lavorare insieme per prendercene cura”.

Subito dopo il taglio del nastro che sancisce la riapertura di piazza Aldrovandi dopo i lavori di riqualificazione, l’assessore al Commercio del Comune di Bologna, Matteo Lepore, invita quindi tutti i bolognesi a fare del loro meglio per tenere pulita la piazza.

L’assessore, affiancato dalla presidente del quartiere Santo Stefano, Rosa Amorevole, ha tagliato il nastro davanti a una quindicina di persone, tra cui alcuni rappresentanti dei Giovani democratici, che proprio a partire da questa mattina hanno iniziato a ripulire dai graffiti gli edifici della piazza.

“I VIGILI CI SARANNO, MA NIENTE POSTAZIONI FISSE”

L’obiettivo principale, quindi, è mantenere pulita la piazza, che “a partire dal 6 maggio ospiterà una serie di iniziative per le famiglie”, e per farlo, spiega l’assessore a margine della cerimonia, “la Polizia municipale lavorerà qui sia in borghese che in divisa, e sono stati predisposti anche dei servizi speciali per far sì che la piazza sia, da subito, presidiata a dovere”. Tuttavia, tiene a precisare Lepore, anche se i vigili “saranno presenti per garantire, specialmente di sera, la vivibilità di questo luogo, non ci saranno delle postazioni fisse, perché non vogliamo dare l’idea di una piazza militarizzata“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»