Cyberbullismo, Boldrini: “Legge entro questa legislatura” VIDEO

Visita alla Casa Pediatrica Fatebenefratelli-Sacco di Milano, primo e finora unico centro specializzato nella cura delle vittime del cyberbullismo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

MILANO – “Io mi auguro che questa legislatura non termini prima che il provvedimento contro bullismo e cyberbullismo sia finalizzato, sarebbe una sconfitta per la politica”. Sono le parole della presidente della Camera dei Deputati Laura Boldrini durante il suo intervento in occasione della visita alla Casa Pediatrica Fatebenefratelli-Sacco di Milano, primo e finora unico centro specializzato nella cura delle vittime di questo fenomeno in Italia.

Parallelamemte,  dunque dall’attività di eccellenza della Casa Pediatrica e ampliare la rete affinché entro il 2018 la maggior parte delle regioni possano avere un centro di ascolto e di contrasto al bullismo.

“ENTRO IL 2018 ALMENO UN CENTRO PER REGIONE”

Su questo tema è intervenuto il direttore della struttura specializzata, Luca Bernardo. “Ci siamo ripromessi che, entro il 2018, almeno buona parte d’Italia se non tutta, abbia un centro per regione- dice- individuato a partire dall’ambito universitario, ospedaliero e pediatrico”.

Specializzato ma non prettamente medico, “questo perché non dobbiamo medicalizzare il problema– continua- ma esattamente il contrario: dovremo avere persone preparate scientificamente e tecnicamente come medici, psicologi ed educatori per instaurare un’alleanza”.

Oltre a questo, la rete permetterebbe alle vittime e agli stessi bulli di avere una struttura di riferimento vicino a casa.

“Non possiamo più costringere persone che vengono da altre regioni con difficoltà a viaggiare da un punto di vista economico”, aggiunge Bernardo.

La senatrice dem Elena Ferrara, presente oggi alla visita di Boldrini, è la prima firmataria del provvedimento contro il bullismo. Un lavoro politico stimolato dal coraggio di Paolo Picchio, padre di Carolina, attivo su questo tema dopo che la figlia, bullizzata, si tolse la vita nel 2013.


Paolo Picchio ha preso la parola durante la cerimonia, presenti anche due amici di Carolina, che hanno porto un omaggio al presidente della Camera. A detta di Picchio, è compito degli adulti aiutare i loro ragazzi a parlare, perché quello che manca è il dialogo: “Oggi i ragazzi parlano solo attraverso i social- dice- e invece devono parlarsi in faccia, ma soprattutto avere più empatia verso gli altri. Solo così possiamo essere sicuri di garantire un futuro ai nostri ragazzi che saranno i genitori di domani. Voi- conclude Picchio- dovete essere sentinelle oggi perché domani sarete genitori e saprete educare i vostri figli”.

di Nicola Mente, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»