Caos M5s a Livorno, Quartini avvisa Nogarin: “Non si fanno sconti a nessuno”

LIVORNO - "Il Movimento 5 Stelle non fa sconti a
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

quattrini_m5s_toscanaLIVORNO – “Il Movimento 5 Stelle non fa sconti a nessuno. Su Livorno vogliamo vedere le carte, lo abbiamo detto in tutte le salse. Non appena vedremo le carte, se ci saranno delle azioni da intraprendere le intraprenderemo senza nessun tipo di indulgenza. Non si pone neanche il problema, perché la questione morale è la questione che più sta a cuore al Movimento 5 Stelle, per cui chi va incontro a malefatte non ha nessuna possibilità di sopravvivere in termini politici”. Lo ha detto il capogruppo in Regione dei 5 Stelle, Andrea Quartini rispondendo a margine di una conferenza stampa sul caso di Livorno e sull’inchiesta che riguarda Aamps, la società dei rifiuti in dissesto finanziario. Alla richiesta del segretario toscano del Pd, Dario Parrini di un intervento del direttorio, affinché qualcuno del Movimento faccia chiarezza sull’indagine che ha toccato l’assessore al Bilancio, Gianni Lemmetti, Quartini ha replicato: “Il portavoce ufficiale per ora resta Nogarin, è il sindaco eletto dai cittadini. Siamo per la rappresentanza partecipata- ha aggiunto-, non per la ricerca del consenso, dei cittadini. E sul Pd ragioniamo in maniera più sobria. Non accettiamo che le travi si mettano a parlare delle pagliuzze”.

nogarin2Peraltro, proprio oggi si è appreso della notizia che il collegio dei sindaci revisori ha denunciato per gravi irregolarità il consiglio d’amministrazione della società dei rifiuti. A finire nel mirino, secondo quanto riportato dal ‘Tirreno’, anche la modalità di assunzione dei 33 dipendenti precari, in contrasto secondo i revisori dei conti con la condizione di salute finanziaria dell’azienda andata in concordato preventivo, una battaglia chiave dell’amministrazione Nogarin. “Per questo vogliamo vedere le carte- ha specificato Quartini-, e andare fino in fondo e non faremo assolutamente nessun tipo di sconto”.

di Carlandrea Poli, giornalista

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»