I malati di mente non possono lavorare? Non è vero

ROMA - I malati di mente sono pericolosi e non possono lavorare? Anche questo è un falso mito.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – I malati di mente sono pericolosi e non possono lavorare? Anche questo è un falso mito. Ne parla Antonio Lora, direttore del dipartimento di Salute mentale dell’azienda ospedaliera di Lecco, al congresso del ministero della Salute a Roma: “Questo pregiudizio allontana le persone dai servizi. Persone che vengono etichettate e stigmatizzate, ma esistono  numerosi studi che dimostrano che i soggetti con disturbi mentali sono 5 o 6 volte più a rischio di subire violenza. È una fazione molto ridotta quella di coloro che hanno un disturbo mentale e che, facendo abuso di droga o alcol, corrono più rischi di commettere reati”.

La rete territoriale dei servizi di eccellenza italiana ha “modi e metodi per intervenire con trattamenti efficaci ed accessibili alla popolazione. Ciò che separa l’accesso ai servizi è la paura e lo stigma”. La depressione? “Si può curare- risponde Lora- i singoli disturbi psichici si possono curare con la psicoterapia, i trattamenti psicosociali e i trattamenti di inserimento lavorativo. Abbiamo anche i farmaci e gli psicofarmaci. Alcuni danno dipendenza. Parliamo di farmaci che vanno prescritti e che sono efficaci. Sulla depressione rispondono al trattamento i 2/3 dei pazienti. Ma occorre cautela, ad esempio gli ansiolitici vanno usati per periodi di tempo limitati”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»