hamburger menu

Dal sottosuolo al rubinetto di casa, ecco il dizionario per proteggere l’acqua

L'acqua è la più preziosa delle risorse, eppure più di due miliardi di persone al mondo non vi hanno ancora accesso sicuro

acqua-rubinetto

ROMA – Tutelare l’acqua ed essere consapevoli dell’importanza della sua qualità in ogni momento, non solo quando sgorga dai rubinetti ma anche nelle sue fonti fondamentali. È questa la riflessione a cui invita la Giornata Mondiale dell’Acqua 2022, con il tema ‘Groundwater: making the invisible visible’. L’appuntamento delle Nazioni Unite dedicato ogni 22 marzo alla più preziosa delle risorse, alla quale oltre 2 miliardi di persone al mondo non hanno ancora un accesso sicuro, in questa edizione si concentra infatti sulle acque sotterranee. Un argomento cruciale, ma non ancora abbastanza conosciuto.

FOCUS SULLE ACQUE SOTTERRANEE

Le acque sotterranee non sono visibili, trovandosi nelle formazioni acquifere del sottosuolo, ma rappresentano la principale fonte di acqua dolce disponibile per tutti i principali usi. Da quella potabile a quella che alimenta attività come le produzioni agricole e industriali. In Italia ad esempio, secondo dati Istat1diffusi nel 2021 e riferiti agli anni 2018-2020, sono l’84,8% del totale prelevato per soddisfare le richieste di acqua potabile della popolazione. E inoltre hanno un ruolo importante anche per l’equilibrio dell’ecosistema, alimentando fiumi, laghi e zone umide. E sono di conseguenza anche un elemento chiave dell’adattamento di tali sistemi naturali al cambiamento climatico in atto.
Proteggere le acque sotterranee significa quindi concentrarsi sulle modalità corrette di svolgimento delle attività umane, limitandone gli effetti negativi legati a un eccessivo sfruttamento del suolo o alla penetrazione in esso di sostanze inquinanti potenzialmente nocive. Ma vuol dire anche creare efficaci meccanismi virtuosi di collaborazione tra Paesi diversi, visto che la maggior parte delle più grandi formazioni acquifere attraversa i confini ed è condivisa tra più Nazioni. Infine per tutelare questa risorsa occorre investire in formazione, sensibilizzazione e conoscenza, per comprendere appieno il fenomeno e ciò che anche individualmente si può fare per proteggerla.

IL ‘DIZIONARIO’ DELL’ACQUA

Per questo Culligan, azienda leader a livello internazionale nel settore del trattamento e della depurazione dell’acqua, ha deciso di creare un ‘Dizionario dell’Acqua‘ e di metterlo liberamente a disposizione di tutti gli utenti che potranno scaricarlo dal sito dell’azienda. Un’iniziativa in linea con quelle di sensibilizzazione sull’argomento portate avanti da Culligan in occasione delle precedenti edizioni della Giornata Mondiale dell’Acqua, con l’obiettivo di fornire uno strumento di consultazione prezioso, semplice e chiaro per chiunque voglia arricchire la propria conoscenza sul tema.

Il Dizionario dell’Acqua è un glossario che risponde in maniera immediata ai principali dubbi sull’argomento, diventando anche una base e uno stimolo per approfondire. Quanti tipi di acqua esistono e quali sono le loro caratteristiche? Quali sostanze inquinanti possono contaminarle? Quali sono le normative che tutelano la qualità dell’acqua? E quali i principali strumenti e processi di depurazione tramite i quali è possibile migliorarla e tutelarsi anche tra le mure di casa? Un modo per avere un’informazione corretta su concetti e questioni talvolta complicati, proteggersi dalle fake news e indirizzare consapevolmente i propri comportamenti concreti.

DIMINUISCE LA DIFFIDENZA PER L’ACQUA DEL RUBINETTO

Un ausilio ancora più importante perché sul tema dell’origine dell’acqua e dell’affidabilità di quella che arriva nelle abitazioni c’è un interesse sempre più grande. Con una fiducia crescente in quella degli acquedotti del nostro Paese, che è buona e controllata: non a caso secondo l’Istat nel 2020 la percentuale di famiglie che ancora non vogliono bere acqua del rubinetto è scesa al 28,4%. Un dato in costante calo, tanto che solo nel 2002 superava quota 40%.
Una tendenza dimostrata anche dai dati dell’indagine statistica svolta nel 2021 per Aqua Italia2, associazione che rappresenta le aziende del settore del trattamento delle acque primarie. Secondo tale ricerca l’82,7% della popolazione italiana ha bevuto acqua del rubinetto (trattata e non) nei 12 mesi precedenti, con un tasso di crescita rispetto al 2020 di oltre il 5%. Il 47,3% del campione ha dichiarato di farlo sempre o quasi sempre e quasi un terzo (32,6%) ha in casa almeno un sistema di affinaggio dell’acqua.

AVANTI CON I DEPURATORI

Un’attenzione alla qualità di ciò che si beve e alla possibilità di migliorarla ulteriormente che spinge anche a comportamenti più sostenibili, riducendo contenitori, bottiglie e imballaggi, di cui può beneficiare l’intero sistema. Per questo deve essere sostenuta anche con politiche commerciali in grado di favorire ad esempio la diffusione dei sistemi di depurazione casalinghi. È ciò che ha scelto di fare Culligan, proponendo nuove opportunità di abbonamento su tre dei suoi impianti domestici di punta: il sistema di filtrazione Intense, il frigogasatore Selfizz e l’addolcitore Eco City. Soluzioni che si adattano alle nuove esigenze dei consumatori, sempre più abituati alle formule della subscription economy, con le quali ancora più persone potranno avere accesso, senza necessità di acquistarli, a strumenti che garantiscono acqua pura nella propria casa.

“Il nostro impegno per diffondere un consumo idrico consapevole, salubre e sostenibile è realmente a 360 gradi- spiega Giulio Giampieri, presidente di Culligan Italiana SpA- per questo supportiamo con forza la Giornata Mondiale dell’Acqua e l’importanza della tematica delle acque sotterranee, basilari anche per l’approvvigionamento idrico delle persone. Un sostegno che non è solo teorico, ma passa per iniziative concrete di informazione, in grado di consentire agli utenti di acquisire una maggiore consapevolezza su questo tema. E si intreccia con le scelte commerciali, puntando a mettere le migliori tecnologie di depurazione a disposizione di tutti, a partire dai giovani. Come player di riferimento del settore sentiamo forte la responsabilità di questo obiettivo di sensibilizzazione che guida da sempre la nostra attività”, conclude Giampieri.

FacebookTwitterLinkedInWhatsAppEmail

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it

2022-03-22T09:17:16+02:00