Migranti, Fico: “No all’indifferenza ma risposte globali a problemi globali”

roberto_fico
Il presidente della Camera incita l'Europa e l'Africa a "riavvicinarsi in uno scambio alla pari. Nel segno del rispetto dei diritti umani, della promozione dello sviluppo sostenibile, del multilateralismo, della giustizia e della solidarietà"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “‘Nessuno si salva da solo’ ha efficacemente affermato papa Francesco con riferimento alla grave crisi sanitaria che il pianeta sta vivendo. Ciò vale anche e soprattutto nei confronti di chi, in Congo come in altri Paesi dell’Africa e di tutto il mondo, subisce le guerre, le violenze, le carestie ed è spesso costretto a fuggire dalle proprie terre”. Lo ha detto il presidente della Camera, Roberto Fico, alla cerimonia di assegnazione in memoriam del ‘Premio Ispi 2021’ all’ambasciatore Luca Attanasio. “Non possiamo rimanere indifferenti, né rivolgere la nostra attenzione all’Africa soltanto quando siamo posti di fronte all’emergenza, come nel caso della gestione dei flussi migratori, del terrorismo internazionale o di altri pericoli per la nostra sicurezza. A problemi globali devono essere sempre date risposte globali“, ha aggiunto.

Per Fico “l’Europa e l’Africa, due continenti così geograficamente prossimi, così interconnessi e così legati da contaminazioni culturali e da vincoli storici, devono riavvicinarsi in uno scambio alla pari. Nel segno del rispetto dei diritti umani, della promozione dello sviluppo sostenibile, del multilateralismo, della giustizia e della solidarietà. Un impegno che può portare benefici ad entrambi e, soprattutto, può aiutare a vincere, insieme, le sfide che interessano tutto il pianeta”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»