Omceo Roma: “Rt Lazio a 0,95 ma non attendibile, no ad ‘arancione'”

Magi: "Onestamente non sto vedendo una diminuzione dei casi, anzi vedo un incremento delle terapie intensive e dei ricoveri"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Lazio presto ‘arancione’? Onestamente non sto vedendo una diminuzione dei casi, anzi vedo un incremento delle terapie intensive e dei ricoveri. Sembra che l’Rt sia attualmente al di sotto dello 0,95, ma non ritengo che questo dato sia così attendibile. In ogni caso non penso sia possibile in questo momento passare dal ‘rosso’ all”arancione'”. A dichiararlo è il presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi, nel corso di un’intervista rilasciata all’agenzia Dire. “Le persone continuano a non comprendere, vanno nei parchi e la mattina in strada c’è traffico- aggiunge Magi- Per uscire da questa situazione serve la collaborazione di tutti quanti, ma ad oggi ancora paghiamo le conseguenze di chi ha continuato a uscire”. Quanto ai dati, secondo Magi arrivano in “maniera non uniforme” e c’è un “problema di comunicazione”: per esempio, tra ieri e oggi, a Latina, Frosinone e Rieti è “come se non avessero avuto nuovi casi, perché sono esattamente gli stessi rispetto al giorno precedente”, conclude.

OMCEO ROMA: “SERVE ALMENO UN MEDICO IN OGNI SEDE VACCINALE

“In merito alla campagna vaccinale, bisogna continuare a garantire sempre e comunque la sicurezza dei cittadini. Per questo è necessario che sia presente almeno un medico in ogni sede vaccinale, comprese le farmacie e le parafarmacie. In caso di reazioni avverse, infatti, è importante che siano pronti a intervenire i medici”, aggiunge Magi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»