Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvate la tenente della Marina Militare…

Il ballo dopo il giuramento? È stato più efficace delle tante pubblicità che le Forze Armate fanno per avvicinare alla leva
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Rischia fino a un anno di carcere la tenente di vascello della Marina Militare che la scorsa estate ha fatto ballare le reclute sulle note di ‘Jerusalema, realizzando un video che ha spopolato in rete. Nei suoi confronti prima è stato avviato un procedimento disciplinare per “comportamento non consono e lesivo dell’immagine della Forza Armata”, poi è stata la Procura militare di Napoli ad aprire un fascicolo per “concorso in disobbedienza continuata pluriaggravata”. Io mi sento di difenderla. L’ambiente e le regole militari un po’ ho imparato a conoscerle, e certo la tenente di vascello non potrà cavarsela senza alcun provvedimento. Ma quanto successo durante quel giuramento presso la Scuola sottufficiali di Taranto di sicuro non ha gettato discredito sulla Marina Militare. Basta chiederlo a chi, visto il video pubblicato sul web, dovrebbe pensare male della Forza Armata. Sfido i vertici militari a sentire le persone, i giovani: quel ballo (non da sola) della tenente, su una hit della scorsa estate, ha simbolicamente unito la Marina alla gente, ai ragazzi di tutta Italia. È stato più efficace delle tante pubblicità che le Forze Armate fanno per avvicinare alla leva.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»