Coronavirus, Conte firma il decreto: ecco la lista delle attività essenziali che resteranno aperte

Dopo l'annuncio di ieri, arriva la firma: sospese le produzioni non essenziali in tutto il Paese
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Il presidente del consiglio Giuseppe Conte ha firmato il dpcm che sospende le produzioni non essenziali in tutto il Paese e che contiene la lista delle attivita’ consentite.

A quanto si apprende da fonti di palazzo Chigi ieri sera lo schema del nuovo dpcm, e il relativo allegato con la lista delle attivita’, era gia’ pronto. Ma dopo la comunicazione del Presidente del Consiglio, sono arrivate molte richieste da parte delle aziende, anche di rilevanza per il sistema Italia, che facevano presenti varie motivazioni per giustificare la necessita’ di proseguire nelle proprie attivita’ e invocavano comunque il carattere essenziale delle stesse, la rilevanza strategica ai fini dell’economia nazionale, lo scopo comunque connesso e accessorio rispetto alle attivita’ consentite in via principale, la funzione strumentale alla risposta sanitaria in corso. Il governo ha quindi verificato con attenzione ogni richiesta.

LEGGI ANCHE:Coronavirus, Confindustria scrive a Conte: “Per lo stop servono tempo e flessibilità”

Per tutta la notte e per tutta la mattinata di oggi al Ministero dello sviluppo economico sono stati severamente impegnati a vagliare tutte le richieste. La firma al termine di questo lavoro, nel tardo pomeriggio di oggi.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»