Onu: “124 milioni di persone a rischio fame a causa dei conflitti”

Le situazioni piu’ critiche si riscontrano in Myanmar, Nigeria, Yemen e Sud Sudan
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Circa 124 milioni di persone nel mondo soffrono a causa di malnutrizione acuta dovuta a conflitti armati e siccita’: la stima, relativa al 2017, accompagnata dalla previsione di un possibile ulteriore aggravarsi della crisi, e’ contenuta in un rapporto pubblicato oggi dalle Nazioni Unite.

Secondo lo studio, le situazioni piu’ critiche si riscontrano in Myanmar, Nigeria, Yemen e Sud Sudan, Paesi tutti dove sono in corso conflitti armati o comunque violenze diffuse.
Nel rapporto si evidenzia che la malnutrizione acuta si accompagna alla perdita dei mezzi di sostentamento e comporta il rischio di morte per fame.

Secondo gli esperti dell’Onu, la crisi potrebbe aggravarsi nel 2018, con lo Yemen in cima alla gratuatoria dei Paesi piu’ a rischio. Nell’edizione dello scorso anno del rapporto si stimava in 108 milioni il numero delle persone che soffrivano di malnutrizione acuta. Il dato del 2015 era invece di 80 milioni.
Lo studio e’ frutto di una collaborazione tra l’Onu, l’Unione Europea e altri organismi, governativi e non.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»