Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Salvini: “Renzi è garantista solo con gli amici”

"Ora Renzi ha l'interim e ci mettera' un suo uomo alle Infrastrutture. A chi e' convenuto tutto questo?"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

salvini  legaROMA – “Renzi è garantista con i suoi amici e assolutamente inflessibile con chi non fa parte della sua cerchia”. Cosi’ Matteo Salvini, segretario della Lega nord, a Rainews24 dopo le dimissioni di Lupi da ministro delle infrastrutture. Salvini poi attacca Renzi sul caso del padre assolto: “Gli hanno assolto il babbo , guarda le coincidenze  della storia della magistratura In italia, tutto bene a casa di Renzi in questa domenica auguri”.

“Io non sono un complottista, ma l’inchiesta parte da Firenze, Lupi non e’ indagato, arrivano intercettazioni sputtananti da ogni parte, Alfano zitto e a cuccia, ora Renzi ha l’interim e ci mettera’ un suo uomo alle Infrastrutture. A chi e’ convenuto tutto questo? A Renzi”, è l’idea del leader leghista. “E’ facile essere garantisti con gli amici e implacabili coi nemici”, aggiunge.

LO SCONTRO RENZI-D’ALEMA – Anche la Lega è un partito personale e arrogante come il Pd secondo D’Alema? “Magari con meno arroganza”.

“A me Renzi non sta simpatico- aggiunge- e tra l’altro D’Alema ha poco da pontificare, non brilla per simpatia e i suoi governi non si ricordano davvero per il boom economico”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»