Comunali Napoli, Fico: “Serve grande progetto, buone esperienze di alleanza Pd-M5s”

È la risposta del presidente della Camera ai giornalisti da Napoli sulla possibile "conquista" di Palazzo San Giacomo alle prossime amministrative
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – “Al di là dei nomi Napoli ha bisogno di un grande progetto che parte dal territorio, ma è un progetto nazionale perché è una città che merita. Bisogna ricostruire tutta una serie di cose ma, al momento, non mi fossilizzerei sui nomi altrimenti si resta su questi e non su una visione di progetto”. Così il presidente della Camera Roberto Fico rispondendo ai giornalisti sulle prossime amministrative del capoluogo campano. Fico è stato in visita stamattina alla comunità socio sanitaria per bambini La casa di Matteo.

FICO: “ALLEANZA PD-M5S GIÀ TESTIMONIATA DA BUONE ESPERIENZE

“Ci sono già state delle buone esperienze. Anche sul nazionale c’è stata un’ottima condivisione di tematiche e di alleanza, quindi deve continuare”. È la risposta di Fico ai giornalisti da Napoli sulla possibile alleanza M5s-Pd per la “conquista” di Palazzo San Giacomo alle prossime amministrative.

“FUTURO DEL MOVIMENTO È DA COSTRUIRE”

“Il futuro del Movimento, come tutte le cose future, va costruito e la stiamo costruendo. Si può partire da tutto quello che è già stato fatto, che è tantissimo, in poco tempo”. Alle domande dei giornalisti sulle espulsioni seguenti il no di alcuni parlamentari al governo Draghi, la terza carica dello Stato ha glissato.

LEGGI ANCHE: M5s, espulsioni e veleni. Base in rivolta: “È la dittatura di Crimi”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»