Miozzo: “Misure anti Covid in anticipo? Dipende da quando arrivano le richieste”

agostino miozzo
Il coordinatore del Cts spiega che le varianti preoccupano, ma il sistema dei colori sta funzionando. E aggiunge: "Il Governo ha chiesto di moderare le esternazioni"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Comunicare con largo anticipo le misure anti covid? Dipende dal momento in cui ci arriveranno le richieste di informazione che noi esamineremo e le comunicheremo in tempo reale al presidente e al ministro della Salute- spiega il coordinatore del Cts Agostino Miozzo all’uscita di Palazzo Chigi-. Comunicare i dati in anticipo? Si può fare, si possono fare tante cose. L’importante è organizzarsi con le Regioni”.

“La preoccupazione sulle varianti esiste, ma mi pare che il sistema dei colori delle regioni stia funzionando, va implementata la capacità di rispondere tempestivamente” spiega il coordinatore del Cts, che aggiunge: “Il Governo ha chiesto una moderazione delle esternazioni delle nostre comunicazioni” ha aggiunto Miozzo.

“IO COORDINATORE UNICO? DOVETE CHIEDERLO A DRAGHI”

“Io coordinatore unico? Non lo so dovete chiederlo al presidente, la scelta di nominare un coordinatore unico è nelle sue disponibilità. Avevo presentato la mia disponibilità a dimettermi con il ministro Speranza. Abbiamo fatto una riunione con Speranza e Gelmini, ne faremo altre anche sul prossimo Dpcm, certamente” chiosa Agostino Miozzo.

LEGGI ANCHE: Covid, le Regioni inviano richieste al Governo. Gelmini: “Le porterò in Consiglio”

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»