Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, per Atac arrivano i primi nuovi 38 bus in affitto

Condividi su facebook Condividi su twitter Condividi su whatsapp Condividi su email Condividi su print ROMA - Arrivano 108 nuovi autobus a Roma. Questa mattina
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Arrivano 108 nuovi autobus a Roma. Questa mattina il sindaco Virginia Raggi e il presidente di Atac, Paolo Simioni, hanno presentato i primi 38 nuovi mezzi che l’azienda ha affittato per un periodo massimo di 18 mesi dalla società Cialone Tour. Gli autobus, nuovi, con livrea bianca e non rossa come gli ultimi mezzi entrati in servizio, sono stati prodotti da diverse aziende come Iveco, Vdl e Indcar e sono di diverse forme e dimensioni: 20 “Mobi” urbani da 8 metri con due porte e 41 posti; 8 vetture da 12 metri con due porte e 82 posti; e altri 10 autobus da 12 metri a 3 porte con 103 posti complessivi. Tutti i mezzi sono Euro 6.

I primi mezzi andranno in servizio sulle linee 870, 115, 029, 052 e 700. Gli altri 70 bus che mancano per arrivare a 108 arriveranno tra marzo e aprile. Infine ulteriori 70 mezzi usati, israeliani, arriveranno il mese prossimo. “Sono davvero contenta di presentare questi primi nuovi bus- ha spiegato Raggi- avevamo detto ai cittadini che avremmo risanato l’azienda e che questa sarebbe tornata a svolgere il servizio come deve essere. Questo e il modo in cui dimostriamo questo impegno”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»