Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via Treno Verde 2017: economia circolare e tappa straordinaria a Bruxelles

Il convoglio di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiano partirà da Catania il 24 febbraio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA  – Economia circolare attraverso un nuovo modello di sviluppo economico sostenibile e innovativo. E’ la strada che vuole percorrere Treno Verde 2017, il convoglio di Legambiente e Ferrovie dello Stato Italiano che, col contributo del ministero dell’Ambiente, parte anche quest’anno per raccontare in 11 tappe, da Catania a Milano, le buone pratiche ambientali e diffondere l’informazione scientifica.

Una novità in quest’edizione, una tappa straordinaria a Bruxelles (24 aprile) alla Commissione europea. All’inaugurazione, del convoglio, oggi alla stazione Termini, presenti il ministro dell’Ambiente Gian Luca Galletti, la presidente di Legambiente Rossella Muroni e la presidente di Ferrovie dello Stato, Gioia Ghezzi.

Il tour comincerà da Catania (24-26 febbraio) e passerà per Paola (28 febbraio-1 marzo), Potenza Centrale (3-4 marzo), Bari Centrale (6-7 marzo), Salerno (9-11 marzo), Pescara Centrale (13-14 marzo), Foligno (16-18 marzo), Bologna Centrale (20-21 marzo), Vicenza (23-24 marzo), Asti (26-28 marzo) e si chiuderà a Milano Porta Garibaldi il 30 e 31 marzo. Tappa speciale a Bruxelles il 24 aprile, quando “i cento campioni italiani dell’economia circolare” saranno accolti dal vicepresidente della Commissione UE, Jyrki Katainen.

“Vogliamo parlare in Europa di economia circolare- spiega Muroni- e raccontare le eccellenze italiane. Con il Treno Verde 2017, come sempre, faremo il tradizionale monitoraggio atmosferico e acustico“.

Temi ambientali cari anche a FS, assicura Ghezzi, “in 29 anni di esperienza Treno Verde si è rivelato un efficace strumento di divulgazione. Speriamo di arrivare a 30mila ospiti quest’anno, con circa 10mila bambini, il nostro futuro, coloro che dovranno muoversi da un’economia lineare ad una circolare. Il treno resta il mezzo di trasporto migliore, dal punto di vista ambientale, per muoversi”. Entusiasta Galletti, che vede in Treno Verde 2017 “tutte le linee guida del nostro ministero: lotta all’inquinamento, sviluppo dell’economia circolare ed educazione ambientale. Temi non più accantonabili perché i cambiamenti climatici proseguono, dunque serve uno scatto culturale, etico e morale. Bisogna pensare oltre le prossime elezioni- esorta Galletti- e badare a questi temi da subito. L’economia circolare è utile per affrontare la quarta rivoluzione industriale, sarà l’asse del piano strategico del Paese per quanto riguarda competitività e occupazione”, termina Galletti.

di Federico Sorrentino, giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»