Giornata del risparmio energetico, Degani: “Mio impegno diventi presto legge”

ROMA - Istituire la 'Giornata nazionale del risparmio energetico' vuol
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Istituire la ‘Giornata nazionale del risparmio energetico’ vuol dire fare “un passo importante nella direzione della sensibilizzazione dei cittadini rispetto ad un tema molto delicato ed importante” e “per tutti questi motivi come Governo mi impegnerò affinchè questa proposta diventi legge nel più breve tempo possibile“. Così il sottosegretario Barbara Degani alla conferenza stampa alla Camera di presentazione della proposta di legge per l’istituzione della ‘Giornata nazionale sul risparmio energetico’ che ha come primo firmatario Chiara Braga, deputata e responsabile Ambiente Pd, e Umberto D’Ottavio, deputato Pd, con la sottoscrizione di 50 deputati. Lo spirito della proposta di legge (Atto Camera 4256 Braga-D’Ottavio) raccoglie anche la spinta straordinaria data dall’impegno ultra decennale su questi temi della trasmissione di Rai Radio2 ‘Caterpillar’ con l’importante e partecipata iniziativa ‘Mi illumino di meno’, che quest’anno ricorre il 24 febbraio, venerdi’ prossimo, con la sua tredicesima edizione.

Una giornata dedicata alla diffusione di una cultura del risparmio energetico e per promuovere stili di vita più compatibili con il nostro pianeta- spiega Braga- Temi che gli italiani considerano sempre più importanti per la propria quotidianità e per il futuro delle prossime generazioni. Non si può infatti negare che, nonostante le tante criticità ambientali – tra cui l’allarme smog purtroppo molto ricorrente specie in inverno – il legame tra gli italiani e la sostenibilità sia positivo, grazie alla diffusione di comportamenti e stili di vita che racchiudono elementi di consapevolezza verso il risparmio energetico, la biodiversità, la condivisione”.

Abbiamo bisogno di dare un segnale forte su temi importanti come questo ed è giusto che si sia puntato anche a cambiare gli stili di vita, perché i grandi cambiamenti originano da piccole azioni che ognuno di noi ogni giorno deve mettere in pratica- prosegue la sottosegretario all’Ambiente- I mezzi di comunicazione di massa sono in grado di veicolare i messaggi giusti per arrivare al grande pubblico, riuscendo a rendere i cittadini più consapevoli dei problemi e inclini all’azione, al fine di modificare i singoli comportamenti quotidiani nella direzione di una maggiore sostenibilità ambientale”.

L’istituzione di questa giornata “sta a sottolineare che l’unione tra istituzioni e mezzi di comunicazione, in questo caso parliamo di Rai di servizio pubblico è vincente- dice la sottosegretario all’Ambiente- il varo di questa legge diventa l’istituzionalizzazione di un’iniziativa meritoria come ‘M’Illumino di meno’, che da 13 anni Caterpillar programma di radio due, porta avanti coinvolgendo milioni di persone e moltissime istituzioni, in Italia e all’estero (e che è riuscita a far spegnere le luci della Torre Eiffel, del Quirinale e del Parlamento europeo di Strasburgo). Grazie al loro impegno in tutta Italia si è innescata una gara virtuosa tra amministrazioni e non solo per chi attua le migliori pratiche anti spreco”.



La propensione al risparmio “riguarda anche i giovani- spiega Braga- un recente dossier dimostra che la fascia di età compresa tra i 18 e i 34 anni è quella che manifesta un interesse maggiore verso la sostenibilità, seguita dalla fascia di età compresa tra i 35 e i 54 anni”.

E la crisi non sembra rappresentare un freno o un ostacolo visto che il 47% è interessato alla sostenibilità pur consapevole delle difficoltà economiche che riguardano l’Italia. Nel dettaglio, l’85% sostiene e vede positivamente gli investimenti nelle forme di energia alternative e rinnovabili, l’80% vorrebbe un potenziamento del trasporto pubblico per avere una valida alternativa all’uso dell’auto privata, il 75% è interessato all’agricoltura e ai prodotti biologici.

Nella giornata di ‘Mi illumino di meno’, venerdì prossimo, ricorda Braga, “saremo tutti invitati a spegnere le luci superflue e ‘condiVivere’: dando un passaggio in auto ai colleghi, organizzando una cena collettiva nel proprio condominio, aprendo la propria rete wireless ai vicini e in generale condividendo la proprie risorse come gesto tangibile anti spreco e motore di socialità”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»