Isis, Renzi: “La minaccia non viene dai barconi”

L'Isis in questo momento- aggiunge- non è cosi' forte in Libia. La minaccia è potenziale e forte e noi siamo pronti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print
M. Renzi
M. Renzi

ROMA – “La minaccia terroristica non deriva da quelli che arrivano dai barcone ma da chi sfrutta per fare soldi l’invio di barconi”. Lo dice il presidente del Consiglio Matteo Renzi parlando ad ‘In Mezz’ora’ su Rai tre parlando di Libia.

“L’Isis in questo momento- aggiunge- non è cosi’ forte in Libia. La minaccia è potenziale e forte e noi siamo pronti”.

LA LIBIA E PUTIN – L’incontro a Mosca “con Putin mi pare sia fissato per inizio di marzo”, rivela Renzi. Che può fare Putin per la Libia? “C’è una guerra pazzesca tra coloro che vogliono il terrore e il resto del mondo”, spiega Renzi. “Di fronte a ciò il mio ruolo non è quello del lobbista, sarebbe molto utile a tutta la comunità internazionale se riuscissimo a far tornare al tavolo della comunità internazionale la Russia. Ma per farlo è chiaro che Putin deve uscire dall’Ucraina”. Putin, ricorda, “fu già decisivo per la Siria”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»